Dante resta. Dantedì 2020

La giornata dedicata a Dante - ovvero il Dantedì- è il 25 marzo, ma io anticipo solo di poco. Dato che in questo canto, che è poi l'ottavo del Purgatorio, si celebra la mia terra, la Val di Magra, ho messo sullo sfondo alcuni libri che la descrivono, ma avrei voluto metterne molti di più. Sul soggiorno di Dante in Val di Magra ho scritto qua . Sono fortunata perchè nei percorsi lavorativi che ho fatto, ho incontrato la sua eredità, com'è scritto su un'epigrafe affissa nel palazzo comunale di Sarzana:
orma di Dante, non si cancella.


A rilento



Insomma in quasi 14 anni da blogger ci sono state fasi come questa, un po'a rilento. Perché quando la vita va troppo veloce, talora, ma non sempre, il blog rallenta.
Risento un po'come tutti di quanto sta accadendo, ma oltre a questa situazione pesantissima ci sono i problemi di ogni giorno.
Oggi ad esempio sono andata ben due volte dal veterinario proprio perchè non c'era gente, mentre al solito bisogna fare un bel po'di anticamera. Prima è toccato alla gatta Sissi, mia mamma infatti mi aveva detto che stamani ha perso sangue, insomma sembrava arrivata al capolinea, tanto vale evitare ulteriori sofferenze.
Per lo stesso motivo un mese fa ho accompagnato con mio fratello dal veterinario  Slim, il cane di nostro  padre. Luca e io anche se siamo grandi siamo i due fratellini affiatati di sempre❤ e doverci separare dal cane di nostro padre che è mancato 4 anni fa,  è stato come recidere un legame importante con lui.

Il primo S. Valentino non si scorda mai

Il mio primo San Valentino fu intorno ai 12, 13 anni.
Da un foglio di quaderno a quadretti, ritagliai un cuore in cui sigillai i nostri nomi in una storia d'amore che credevo dovesse durare per sempre:

Sara & Miguel Bosè

Come quando_50

Come quando fai l'estratto conto.