Dacca ( il terrorismo non va più di moda)

Il primo luglio del 2016 20 civili furono uccisi brutalmente in un attentato terroristico a Dacca, tra  loro dieci nostri connazionali, ben presto dimenticati. 
Oggi l'unico omaggio che ho visto alla loro memoria è quello del partito della Meloni, del resto la notizia più importante per i giornaloni  è che si sposano due donne del mondo dello spettacolo, cioė quella che un tempo era una notizia delle riviste di gossip, è oggi materiale per i giornali che pretendono di essere seri.
Ma tornano ai nostri connazionali morti sgozzati, per quale motivo sono stati dimenticati? 

4 cuccioli

Condivido

Sos .... 4 cuccioloni di 9 mesi di taglia futura media cercano stallo o adozione 2 femmine e 2 maschi chi sa di strutture o di associazioni che possano aiutarci???noi siamo al collasso.




I cuccioli si trovano a Barletta e possono viaggiare ovunque ci sia una solida opportunità di vita migliore per loro.

Qui da noi continuano a comprare il barboncino  toy e per loro si aprirà un unica porta che li condannerà a vita in un canile.

Questo appello è la loro unica speranza e la dimostrazione che tra il cucciolo bianco e quello nero vince sempre il bianco. 

Vi prego di non ignorarci e di aiutarci anche ad un cucciolo alla volta perché altrimenti non possiamo più far uscire nessun cane anziano o malato terminale del canile comunale di Barletta per mancanza di posto nella piccola casetta di campagna della zia Miuccia .

Per info di strutture contattateci

3282247456

Lasciare un messaggio WhatsApp se non risponde

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=pfbid0PNiVGQp8NawDGpMB2xqPVx8XFEruq5WRaoVzfEWVYRn3psGRPFPgVd6fAchBWjgpl&id=100056003324933&sfnsn=scwspwa

Come quando n. 109

Come quando arriva il giorno del debutto di un nuovo spettacolo teatrale e ti piglia quel misto di ansia ed euforia.

Lo Stato contro Abele

Graziella aveva 17 anni anni nel 1985, lavorava in una lavanderia dove, tra gli abiti, ebbe la sventura di rinvenire l'agenda di un mafioso. 
Ho letto la sua storia qua e là nel web in questi giorni, i dettagli terribili di quelle tre ore che ha passato in balia dei suoi assassini, prima di essere uccisa con 5 colpi di lupara, 5 colpi che hanno straziato il suo viso, la sua persona, i suoi 17 anni.
Una ragazzina  levata di mezzo come una cosa.
A parte le inerzie iniziali e le incertezze poi, lo Stato ha impiegato anni, anzi decenni  per mettere in galera gli assassini di Graziella, se non che uno di loro, che ha sulle spalle un'altra condanna  per omicidio, dopo aver scontato una decina d'anni in galera, ora potrà godere della semilibertà ed uscire di giorno dal carecere per "fare volontariato con gli anziani" attraverso un'associazione.
A parte che fare i volontari, richiederebbe una dimensione morale congrua.
A parte che gli anziani, a maggior ragione se hanno bisogno di aiuto, dovrebbero essere avvicinati da persone irreprensibili.
A parte che abbiamo già visto assassini messi ai servizi sociali che sono tornati a uccidere.
Ma perchè lo Stato infierisce così tanto sulle vittime?
Perché  certi provvedimenti  cozzano contro il senso di giustizia  innato che è dentro di noi?
Perchè lo Stato odia così tanto Abele? 

E mi consuma l'estate



Io non ce la faccio a prendere atto che è estate, insomma la stagione in cui divertirsi.
A parte che sto annaffiando da metà marzo, che fatica e ti vedo lì che non ci credi che c'è il cambiamento climatico in corso.  Per forza! Li vedi gli alberi tu? 
Sai da quanto hanno sete gli ulivi? I primi a patire sono stati quelli in collina.
Ora vedo in sofferenza gli ulivi del piano.
E così vado alla fossa e tiro l'acqua con il secchio, come la principessa che incontrò Ulisse, l'ho già scritto, ma a me piace anche pensarmi così, come se una volta riempito il secchio mi trovi poi ad incontrare Ulisse e ad ascoltare le sue storie.
E poi mi mettono ansia queste elezioni comunali, il ballottaggio per il sindaco! 
Oddio che ansia! 
E ho fatto la mia scelta palese e non me ne frega niente di tutta quella gente che non sei tu di quello che pensano gli altri, a Carrara ci vivo io, quindi so io cosa va bene per la mia città, del resto "sa più un scemo a casa sua che un furbo in casa d'altri".
Ma soprattutto è estate e c'è la guerra e mi sembra che il nostro mondo sia sempre più fragile e verrebbe una gran voglia  di tornare indietro, ma non si può, questa situazione è irredimibile!
E a fronte della mia poca voglia d'estate, accumulo impegni, esco quasi tutte le sere, per fortuna non solo per cenare fuori, ma pure uscire di sera è impegnativo, ti rilassi e poi il giorno dopo devi rientrare nei ranghi. 
Stasera per esempio sono uscita per andare alle prove di teatro, ma mentre d'inverno ci andavo intabarrata con la tuta, stasera mi sono vestita benino e prima di andare alle prove sono andata in via Roma a Carrara a prendere un caffè d'orzo.
Rispetto agli anni passati non ho intenzione per il momento di comprarmi qualcosa, non ha molto senso avendo tutto di tutto continuare ad accumulare: unica eccezione, ho acquistato un vestito verde brillante al mercato, mi è piaciuto molto, solo che ho dato retta alla venditrice,  una signora cinese, la quale ha insistito perchè  prendessi la small, che si mi entra, ma mi fa l'effetto Rovagnati. 
E io volevo disperatamente  pesare 56 kg per essere una donna perfetta, ma mi sono pesata in farmacia e prendendo atto che peso 57,500 kg, credo che mi accontenterò.

Obbiettivamente

Lui fa l'intellettuale di lavoro, una presentazione qua, una recensione là, insomma lui  scrive, ma confido che abbia un'altra entrata per campare. 
La mia passione renziana sfegatata gli fa storcere il naso, del resto come si conviene a un intellettuale  di provincia credo che graviti su Possibile, Articolo 1 e Anpi. 
Quindi mi imbatto in uno dei suoi giudizi sulla situazione politica attuale, proferiti con il piglio tipico di chi si sente superiore, dichiarando che "obbiettivamente etc."
Ecco.

L'appendice

"I caffè  sono pronti!", la ragazza dal bancone ci avvisa. Mi alzo io a prenderli, anche se mia madre ed io siamo abituate che bariste ci servono sempre al tavolo. 
Deve essere la policy del locale, anche se non c'è nessuno.
Prendiamo con calma il nostro caffè e poi io mi alzo per andare a pagare, ma la ragazza non c'è più, al suo posto un giovane sui 20 anni che guarda fissso il telefonino che ha in mano. "Dobbiamo pagare!" quello non leva la testa dal cellulare, un po'in ritardo mi dice quanto spendo, il tutto senza levare gli occhi dal cellulare.
"Sai che c'ė stata anche un'epoca nella quale le persone non avevano l'appendice?"
"Cosa?!" solleva la testa dal telefonino
Ribadisco"Dicevo che c'è stata un'epoca nella quale le persone non avevano l'appendice!"
Abbozza un sorrisco da scemo.
È proprio necessario arrenderci alla sciatteria diffusa?