PAOLO BERTOLANI: DAL DIARIO GRECO

SAFFO

Riónda l'è 'a luna.
Da fea riva s-ciaón.
G'è 'n bisotàe de luse
che a testa i fa viagiàe
tropo luntàn.
Er lèto dónde adè me revorto
g'è fato de bochi,
de ortìghe.
Dónde a podiò rivàe de 'stó baco
e no matìe?
A n'ho temensa a die
ch'a ghe piànso,
ch'a tremo,
e de vòge a me smàngio.

Rotonda è la luna. / Da fuori giunge il chiarore. / È un bisbigliare di luce / che la testa fa viaggiare / troppo lontano. / Il letto dove adesso mi agito / è fatto di spini, / di ortiche. / Dove potrò arrivare di questo passo / e non ammattire? / Non temo di dire / che ci piango, / che tremo, / e di voglie mi consumo.

Nessun commento: