13 luglio 2013

La Sexylona. V. M. 18

L'idea me l'ha suggerita Mariella che facendo una rassegna tra i vari tipi di blogger, mi ha fatto proporre una figura che magari non è diffusissima in rete, nondimeno capita di imbattercisi ogni tanto.
Prendiamo per buono che la Sexylona, ovvero colei  che ha il sesso come tema dominante del suo blog,  sia effettivamente femmina, perché io alle volte ho avuto qualche perplessità in merito all'effettiva identità sessuale di chi scrive in rete.
Intanto il suo viso non lo svela mai, ma il suo blog è decorato con immagini photoshoppatissime di modelle tanto filiformi quanto irreali ,per intenderci fanciulle dai  lunghissimi capelli biondi, che indossano la tag. 38, hanno le gambe kilometriche e la VI di reggiseno.
Praticamente delle aliene, ecco.
Con  queste immagini la Sexylona ammicca: come dire, vedi! io sono figa proprio come queste!!! quando è più probabile che nella realtà abbia un culo che fa provincia e dei capelli color topo.
In suddette immagini del blog , le fanciulle in questione sono generalmente seminude, o meglio, con indosso lunghe vestaglie trasparenti, oppure microscopici completini di biancheria intima, rigorosamente nera, oppure con indosso unicamente le autoreggenti, dal bordo pizzoso ovviamente, mentre così vestite si dedicano ad attività amene come scrivere una lettera con la penna stilografica (e chi lo fa più?!), leggere un libro con aria trasognata, come dire: guarda io sono una Sexylona, ma ho anche un cervello!
Esauriti quei tre o quattro post in cui la Sexylona  scrive di sesso, alternando racconti di prodezze dei vari partner, descrizioni di posizioni erotico-ginniche, azzardi sulla predisposizione genetica a fare gli zuffoli, location alternative "tipo farlo strano nella cella frigo del reparto ortofrutta, così ci sono pure i gadgets", la lettura del blog della Sexylona diventa francamente noiosa.
Resistono i lettori  affecionados, e quindi l'amica di blog che dichiara analoghe vocazioni, quella per intenderci che si fa chiamare "Gatta a Nove Code", la quale a onor del vero bazzica il blog della Sexylona, giusto per rimorchiare nuovi lettori per il suo.
Ma fondamentalmente  non demordono  alcuni followers maschili: tipo quello che  non c'ha un belino da fare e passa tutto il tempo in rete,  poi quello che invade il blog della Sexylona, praticamente raccontando tutta sua vita, dal primo dentino, alla visita di leva a quella volta che gli si è fermata la Duna di notte sul viadotto della Cisa (ma perchè tutta 'sta roba non la vai a scrivere sul tuo blog?!).
Resiste, è vero, anche quello ottimista  che spera che la Sexylona sia davvero una gran figa come millanta di essere e prima o poi gliela dia. In ogni caso lui ci prova. Come fa del resto con tutte le donne, fuori e dentro la rete.
Persiste nel novero lettori anche qualcuno che semplicemente si diverte a leggere il sesso raccontato da una donna, che però, attenzione, parla  di sesso come gli uomini vorrebbero che noi donne  ne parlassimo (mi sono capita?!) d'altro canto è noto che il cervello è la principale zona erogena dell'uomo (inversamente : ci sono, eccome,  anche quelli che ragionano  con il belino!).
Se non che, dopo due o tre mesi di gloria , si fa per dire, la Sexylona sparisce dalla rete! Tranquilli maschi, c'è pronta un'altra mangiatrice di uomini che la sostituirà degnamente!
Ma dov'è finita la nostra Sexylona? 
Ve lo dico io! alla nostra amica sono passate le pene del cuore che le avevano mortificato la femminilità, così che si era aperta un blog per provare a se stessa che per un uomo che l'ha lasciata, ce ne sono dieci che la desiderano! 
Oserei perfino pensare che quando la Sexylona scompare dalla rete è perchè finalmente si è fidanzata per davvero!

14 commenti:

Francesco ha detto...

intanto con questo titolo al post avrai il doppio degli accessi al tuo blog..... :-)

Costantino ha detto...

Belllissimo racconto, mi fa ricordare i "Caratteri" di Teofrasto.

Charlie Brown ha detto...

ma sexylona è il connubio di sexy e culona?

silvia ha detto...

:))))

UnUomo.InCammino ha detto...

:)))))))))))

Ahahahah
Bellerrima quests attenta osservazione dei diarietti di alcune portatrici_di_vagina diversamente sexy (possiamo anche dire virtualmente sexy ma anche sexy per stikatzi!).

Aggiungo che i genere hanno il nero il grigio scuro, l'indaco o ilrosso come colore di fondo, grafiche sadiche che ti inducono a tornare dall'oculista, un sacco di chincaglierie con brillantini, streghette & fatine, gattini fuffini.

Una volta incontrai una di questa, sembrava una dea del sesso a leggerla e pure brillante di testa. Nella realta' un cesso inchiavabile e pure incapace di una conversazione non dico stimolante ma almeno piacevole a sufficienza.

La Sexylona la evitiamola, per favore, eh!?
:)

Biagioli Alessandro ha detto...

se il virutale non servisse per acchiappare pollastre o pollastroni non la chiamerebbero .."rete"

fracatz ha detto...

quella della cella frigo l'hai letta da lindalov
http://lindalov.blogspot.com/
però quella cara ragazza è da anni che sta in rete nun sparisce nè dà confidenza alle persone attempate, con i sbarbatelli non so.

Alberto Cane ha detto...

"Oserei perfino pensare che quando la Sexylona scompare dalla rete è perché finalmente si è fidanzata per davvero!"
Gliel'ho auguro, e gli auguro anche di non essersi fidanzata con qualcuno dei suoi lettori, altrimenti povera lei.

Giuliano ha detto...

E' stato un vero divertimento!!!

Sara ha detto...

FRanz no, la cella frigo non l'ho letta da nessuno!

fracatz ha detto...

ma allora la cella frigo dev'essere un classico di tutti/e coloro che scrivono racconti erotici.
Bah, in effetti, co sta callaccia, ad avercela na bella cella, nun sarebbe mica tanto male

Francesco ha detto...

uomo, "cesso inchiavabile" è roba mia !!!! :-)))

Pupottina ha detto...

ahahahah
speriamo in una romantica storia d'amore a lieto fine ;-)

diegod56 ha detto...

in effetti il porno «normale» è molto più onesto

detto questo, non ho mai letto le pagine del blog in oggetto, ma il sospetto che si tratti di un uomo è assolutamente fondato, se fosse una donna, avrebbe mostrato una sua foto; non regge la spiegazione che magari è una donna brutta: una donna brutta, ben truccata, ben fotografata, scegliendo fra molti scatti, puo’ facilmente mettere un’immagine, magari 300x300 pixel, dove sembra una strafiga

è un uomo, secondo me, e neanche bello