19 settembre 2015

epigrafe di Pier delle Vigne




            
        Pontremoli (MS)

Ah, la Storia! Una tenda sintetica e un cavo a penzoloni!
Non se ne poteva proprio fare a meno?

3 commenti:

Lorenzo ha detto...

Sara, forse l'ho già scritto ma ho portato mia nipote al museo di scienze naturali di Milano. Il museo è rimasto identico a quando io avevo la sua età. Stessi reperti esposti, stesse teche. Solo che nel frattempo i reperti sono invecchiati e le teche incrinate e sporcate. Adesso il museo sembra a sua volta un reperto, sopravvissuto ad una guerra atomica, tutto ricoperto di polvere, i vetri incrinati, gli animali imbalsamati spelacchiati, senza un occhio, eccetera.

Stiamo parlando di Corso Venezia in centro Milano non di Addis Abeba. Uno spettacolo che stringe il cuore pensando a come siamo ridotti come Popolo e come Nazione. Ieri la borsa ha preso un'altra mazzata del -2.5% ma Renzi dice che abbiamo svoltato.

Novella Semplici ha detto...

Ma come possono aver messo una tenda lì?

Costantino ha detto...

Accecato per la seconda volta, invoca a gran voce giustizia.
nessuno potrà, però, coprire quel nome e quella pagina di storia.
Un motivo in più per me per visitare, forse un giorno, Pontremoli.