La sconosciuta


Ad un'ignota

Tutto ignoro di te:nome, cognome
l'occhio, il sorriso, la parola e il gesto;
e sapere non voglio, e non ho chiesto
Il colore nemmen delle tue chiome.
Ma so che vivi nel silenzio; come 
care ti sono queste mie rime:questo
 ti fa sorella nel mio sogno mesto, 
o amica senza volto e senza nome.
Fuori del sogno fatto di rimpianto
 forse non mai, non mai c'incontreremo,
 forse non ti vedro', mi vedrai. 
Ma piu' di quella che ci siede accanto
 cara e'l'amica  che non mai vedremo;
supremo e'il bene che non giunge mai!

Guido Gozzano

5 commenti:

diego ha detto...

com’è cambiato il mondo sentimentale, carissima sara

in questa splendida poesia dell’impareggiabile gozzano, c’è il fascino del non visto, del non detto, del vissuto nascosto; a mio avviso il poeta si rivolge alle sue lettrici, signore e signorine che lo amano, amano i suoi versi, anche se sanno che mai lui le vedrà, le sfiorerà (se non con i versi)

oggi è tutto un esagerato mostrare, mostrarsi, apparire, scuoiarsi nei selfies, nelle insopportabili accozzaglie del social facciadalibro

quanta eleganza, e quanta sottile ma potentissima e autentica ironica sensualità in questo poeta così eccelso

per me una signora o signorina è veramente una donna, una desiderabile donna, solo se legge gozzano, altrimenti le manca qualcosa

Novella Semplici ha detto...

Un'inno al sogno e ai sentimenti, oltre che alla figura femminile. P.s.: che bel colore la rosa!

Federica ha detto...

adoro passeggiare e vedere tante rose, tutte diverse, che escono dai cancelli... che mese meraviglioso!

viola ha detto...

la meravigliosa regina dei fiori insieme a delicata poesia :)))

Claudia ha detto...

Bellissima