15 gennaio 2017

Il business illegale dei cuccioli di lupo cecoslovacco

Posso dirlo? Chi compra un cane a 5000 euro si merita di essere fregato. 
Purtroppo per le velleita' altrui i danni li paghiamo noi.
Io non lo so dove sono gli "allevatori seri" di cui si vocifera, sono i primi che dovrebbero protestare. 
Anzi, i primi che hanno il sacrosanto diritto di inca inalberarsi sono quelli che ogni giorno, con gran sacrificio personale si  prendono cura degli animali abbandonati, dei troppi cuccuccioli fatti venire al mondo irresponsabilmente.
La categoria dei veterinari ha poi le sue responsabilita', che a pensar male i cani allevati dai trafficanti si ammalano piu' dei bastardini.
Quello nella foto è Sebastian, un bellissimo cane corso di 7 anni, si trova a Napoli,  ma le staffette lo portano ovunque . E'castrato, vaccinato e negativo alla leshmaniosi.
Per informazioni  I pelosi di Adele.



13 commenti:

Lorenzo ha detto...

Pensiero storto. Se non ci fosse un mercato composto di scemi che vogliono un cane, non ci sarebbe l'offerta di quelli che fabbricano i cani per venderli agli scemi. Non solo il cane, tutto l'indotto, dal croccantino all'abito di Chanel. Poi, come per tante altre cose, gli scemi col cane pensano di avere qualcosa più degli altri, invece che qualcosa meno e quindi il problema si avvita su se stesso. Prima che un problema logistico e pratico, è un problema psichiatrico.

Marco Poli ha detto...

Incrocio suggestivo, quello tra il cane lupo cecoslovacco e il lupo nordamericano;
vedendo le foto, gli ibridi sono animali davvero belli.

===

UnUomo.InCammino ha detto...

Perche' gli husky o i san bernardo in citta'?
Purtroppo anche alcuni cani sono diventati oggetti posizionali per vari scemi.
Scemi che, spesso, hanno delle gran palanche e quindi sono ancora piu' scemi perche' fanno danni ancora piu' grossi.

Troppi animali, troppe persone.
Sempre scritto che sarei felice in un Italia con 10M di persone e 1M di animali da compagnia.
Tutto insostenibile.
Siamo molto piu' scemi di quanto pensiamo. Ovviamente, gli scemi, devono appellarsi come Sapiens.

La Laura ha detto...

Un altro cambio grafico,e stavolta enorme! Tipo che ti apro e penso GULP si gulp. Senti Sara il cambio di motto,dal bellissimo since eccetera mi sembra significativo per te. Pure illazioni ovviamente, è che mi è parso così. Ps di fronte al tribunale di Milano c'è uno che confeziona a mano abitiinloden su misura per "i nostri amici cani" . Il finto buon gusto di ciò mi diede quasi il voltastomaco.

Magnoli@ ha detto...

bella novita' di grafica.

Marco Poli ha detto...

== o. t. ==

Ecco il [ tutorial sull'aggiunta della lista degli ultimi commenti a un blog Blogger ].

===

Lorenzo ha detto...

Dai, oggi il cane è un giocattolo o un succedaneo.

Anticamente i ricchi si divertivano con la falconeria o con i levrieri. Tutti gli altri per allevare gli animali si dovevano togliere il pane di bocca, quindi era una azione che doveva essere ben ponderata. Si teneva un animale se e solo se questo produceva un guadagno, un ritorno. Tranne quei pochi che mangiavano gli avanzi di re e regine, i cani dovevano svolgere un lavoro, una funzione che ne giustificasse il fastidio, l'ingombro, il peso.

Oggi le persone sono condizionate a vedere la vita nello stesso modo in cui la vedono i bimbi. Ovvero "voglio" che diventa "devo" che diventa "tutti devono". Lungo questa linea di follia completamente svincolata dal "mondo reale" siamo arrivati ai giorni nostri per cui il cane, la gallina, il maiale, non sono più decisioni ponderate che possono fare la differenza tra vita e morte, sono "persone", sono come noi e come Topolino, che va in giro nella sua automobilina coi pantaloni e i guanti gialli.

Da cui il cane-amico, il cane-figlio, eccetera.

Siccome è diventato "normale" che un tizio si rechi presso una fabbrica a comprare un bambino e non importa come viene fabbricato e non importa cosa ne sarà di questo bambino senza genitori, non si vede perché allo stesso Tizio non deve essere consentito recarsi presso una fabbrica a comprare un animale, un cane fluorescente con le ali, uno struzzo con le ruote, qualsiasi cosa e non si capisce perché a qualcuno debba importare come si fabbrica l'animale e cosa ne sarà di lui una volta commercializzato.

Inoltre, prego notare che a me, che guardo tutto dal difuori, viene IMPOSTO di convivere con le conseguenza delle "pseudo-scelte" DEGLI ALTRI e nessuno mi chiede cosa penso o che ne è del mio spazio personale.

Ernest ha detto...

ottimo look il blog!!! per il resto che dire...

Marco Poli ha detto...

== o. t. ==

Bene la nuova veste grafica del blog, ma la potresti migliorare.
Ad esempio, la fotografia che hai scelto per lo sfondo è bella, ma impatta negativamente sul titolo e sottotitolo del blog, disturbandone un po' la lettura ...
secondo me dovresti schiarire la foto, portarla al livello della parte alta, coperta dalla trasparenza della barra di Blogger.

===

Lorenzo ha detto...

Il browser quando trova una immagine usata come sfondo di un contenitore, per impostazione di base ripete l'immagine come una mattonella a coprire tutto lo spazio.

La ripetizione della immagine, se non è stata realizzata apposta per formare un disegno tramite la ripetizione, genere l'effetto di "spezzare la forma", esattamente lo stesso del camuffamento usato in ambito militare. Quindi tutto il resto che si presenta dentro il contenitore viene "confuso" dal sottofondo mimetico.

L'alternativa è forzare il browser a "stirare" l'immagine invece che a ripeterla come una mattonella. Il guaio è che ovviamente l'operazione di "stiramento" implica un ricalcolo di tutti i punti della immagine e di conseguenza un peggioramento della qualità (l'immagine risulta "sgranata"), tanto maggiore tanto più piccola è l'immagine di partenza rispetto allo spazio da coprire.

Per forzare lo stiramento della immagine in blogger bisogna andare in "design", personalizza, avanzate e aggiungere nel CSS queste righe (o analoghe) con l'attributo "cover":

body (parentesi graffa)
background-attachment:fixed;
-webkit-background-size: cover;
-moz-background-size: cover;
-o-background-size: cover;
background-size: cover;
(parentesi graffa)

A seconda del "tema", potrebbe servire anche:

.body-fauxcolumn-outer .cap-top (parentesi graffa)
background-attachment:fixed;
-webkit-background-size: cover;
-moz-background-size: cover;
-o-background-size: cover;
background-size: cover;
(parentesi graffa)

Ofelia Deville ha detto...

I canili sono pieni di animali che hanno bisogno di essere accolti ed amati.
Un abbraccio

Costantino ha detto...

Non avrò mai un cane, per innata paura. Avrei per adottato , al canile, un cane abbandonato.

UnUomo.InCammino ha detto...


Siccome è diventato "normale" che un tizio si rechi presso una fabbrica a comprare un bambino e non importa come viene fabbricato e non importa cosa ne sarà di questo bambino senza genitori, non si vede perché allo stesso Tizio non deve essere consentito recarsi presso una fabbrica a comprare un animale, un cane fluorescente con le ali, uno struzzo con le ruote, qualsiasi cosa e non si capisce perché a qualcuno debba importare come si fabbrica l'animale e cosa ne sarà di lui una volta commercializzato.


Lorenzo mi ha fatto spataccare dalle risate.
Anche se non c'e' nulla, ma proprio nulla da ridere per una societa' cosi' corrotta.
Non avrei potuto scriverlo meglio.