26 aprile 2010

Smettere di fumare.

Ok, non è una novità, dato che da quando ho smesso l'ho scritto un sacco di volte sul blog.
Ho smesso da un anno e 4 mesi.
Mi è rimasta un po'questa fissa, perchè avendo fumato per 24 anni, questa dimensione è ancora parte della mia vita e mi ha segnata in modo irredimibile.
Se non avessi fumato sarei stata una donna migliore. Però complessivamente sono comunque un essere umano in dignitose condizioni, altruista, ottimista, fideista etc. quindi devo fare pace con me stessa per quello che è stato.

Io ho smesso di fumare grazie al libro di Carr Allen - È facile smettere di fumare se sai come farlo
Ho smesso di colpo, convinta di andare incontro a una vita migliore e così è stato.
La sofferenza, se così si può dire, è stata inconsistente, anche nei primi giorni.
Io sono grata a questo libro, che non agisce stimolando la forza di volontà, ma opera sotto il profilo intellettuale, cioè non ci impone una lotta con noi stessi, ma ci libera dal pregiudizio che smettere di fumare sia difficile.
Il principio che mi ha spinto a leggere il libro, e tuta la resistenza del fumatore è lì, è stato "ma se funziona per gli altri, perchè non dovrebbe funzionare per me?".
Ah...di solito i fumatori dicono che aspettano il momento giusto per smettere: non è mai il momento giusto, cioè è solo un alibi.
Io le conosco benissimo queste giustificazioni. I fumatori sono perversi. Per esempio, se uno che fuma deve ricoverarsi in ospedale, pensa a come farà a fumare in ospedale...oppure se un fumatore va a una cerimonia in chiesa, pensa durante la funzione che appena finisce uscirà a fumare.
E poi il fumatore pensa soprattutto a non restare senza sigarette.
Insomma io non so se questo post sconclusionato può essere utile a qualcuno, ma il libro lo è di sicuro.

7 commenti:

Black75 ha detto...

e comunque smettere di fumare è cosa sana e giusta... e lo dico io che ancora un sigaro ogni tanto me lo faccio... (ma sono anni che non tocco più una sigaretta e mi fa schifo solo al pensiero)...
però anche quello del sigaro è un po' un vizio, non ne sono assolutametne assoggettato, però (specie se in compagnia) mi fa sfizio. e poi va a periodi. alterno mesi e mesi senza fumare nulla (di mio almeno.... visto che il fumo passivo non manca mai) e poi ricapita di comprare i toscanelli al caffè. una scatola di ammezzati mi dura anche 2 mesi (dentro ce ne sono 5 pezzi), però sarebbe meglio non comprarla affatto.

lasettimaonda ha detto...

Ciao Sara, anche mio marito è un fumatore, pe la verità fuma poco, 7 o 8 sigarette al giorno, ma a quelle non rinuncia.
Anche se è bravo, in casa non fuma, nemmeno in inverno davanti al camino acceso, esce sempre in giardino, oppure in macchina ( se ci sono io..), così, due anni fà, cosigliata da un nostro caro amico accanito fumatore, 2 pacchetti al giorno, che ha smesso, leggendo il libro di Allen Carr, gliel'o regalato, così giusto per provare.
L'ha letto, ha asserito che dice delle assolute verità, che è tutto molto sensato, ma che a lui va di fumare e continua a fumare finchè non gli verrà il desiderio di smettere!!
Vabbè, nessuno è pefetto, io ci ho provato, ma con Mr. Razionalità, non ha funzionato!
Tu continua a fare la brava, però!!!!!!!Ciao, oggi vado a comprare le lavande per le rose!Syl

Ernest ha detto...

uhmm per me la vedo difficile...
ciao ciao

Sara ha detto...

@Blake...se io mi fossi accontentata di due o tre sigarette al giorno, mica smettevo! Uno sfizio ci vuole, poi giustamente c'è anche una ritualità sociale legata al fumo.
@Syl: forse il libro funziona meglio per noi donne, perchè siamo più diligenti, cioè ci sta che il tuo amato bene, non l'abbia letto con lo zelo necessario, anche perché è un libro che si ripete molto nei concetti. Ma è una cosa che fa parte del metodo!
Forza con la lavanda, che non basta mai!
@Ernest...tu sei uno sportivo e poi se ho smesso io che fumavo un pacchetto e mezzo al giorno...
Poi a 16 anni ci sta la sigaretta, la curiosità, la voglia di essere grandi...però alle soglie dei 40 anni era giusto un atto di maturità verso me stessa.

giardigno65 ha detto...

resistenza !

il giardino di enzo ha detto...

Letizia ne fuma quasi quaranta, è ossessionata e gode della sua ossessione.
Proverò a comprare il libro, lei divora cicche e libri in ugual misura. Sia mai che...

Arlene Machiavelli ha detto...

Liberarsi da una schiavitù come il fumo è decisamente una cosa positiva. Io non ho mai avuto il vizio ed è strano perchè per carattere tendo alle dipendenze di ogni tipo :D
Però non sopporto il pensiero comune che attribuisce al fumo la responsabilità di ogni male!