03 giugno 2010

Valori universalmente condivisi

Non ci faccio molto caso, la giornata di lavoro è intensa. Mi spertico in dettagliate spiegazioni nei confronti di questa giovane coppia, ma faccio così con tutti e poi passo oltre.
Me li rivedo più tardi, che si fanno la foto ricordo e mi offro di scattagliene una insieme. Abbracciati sullo sfondo della madre Apua, nella mia giornata di festa, di lavoro e di pollini nella piana del Magra.
Nel restituire la digitale, due frasi di circostanza, siete giovani, studiate?
Lei mi dice che ha 22 anni e poi attacca di fila a raccontarmi che lavora nel sociale, in una onlus e il suo lavoro le piace, ma le provoca anche parecchie frustrazioni soprattutto con persone appartenenti a una certa cultura... e specifica il suo problema, con gli uomini di tradizione islamica, di provenienza geografica nordafricana, che nonostante tutti i tuoi sforzi per lavorare, alla fine non vedo in in te altro che una bella donna..
E fa il musetto corrucciato, si vede che è sincera e le dispiace davvero.
Io la metto a fuoco.
Vistosa no, anzi, ha complessivamente un aspetto dolce e sereno ...ha i capelli biondo miele e gli occhi celesti. Ha un visino delizioso, armonico, pelle indenne da qualsivoglia difetto, ed è senza trucco, con le labbra naturalmente rosee.
Non è molto alta, diciamo sul metro e 60, il che la rende di sicuro più rassicurante di qualsivoglia vikinga.
Contrariamente allo stile velinesco che non risparmia le mie coetanee, indossa una gonna lunga e un maglioncino di cotone, sotto il quale si palesa in tutta la sua maestosità di forme, una IV di reggiseno.

Ora valle un po'a spiegare, dall'alto dei miei 40 anni, che non è un problema di religione o di geografia il suo, ma che qualsiasi maschio di età superiore ai 12 anni, dal Polo Nord in giù, in sua presenza avrebbe la medesima reazione...

4 commenti:

il giardino di enzo ha detto...

Che buffo, mentre leggevo pensavo alla risposta... e l'hai già data te.
Ciao Sara, una buona giornata, e bella, profumata, e allegra, e... e... e... e... e... e... e... e... e... e... e... e... e... e... e...

ps: parola da inserire "belessa", alla veneta, la belessa della vita.

Alessandro Cavalotti ha detto...

È il solito pregiudizio sotterraneo, trasversale, bipartisan. Gli extracomunitari hanno brutte facce a prescindere.

giardigno65 ha detto...

pungente !

Ernest ha detto...

Ciao Sara
che altro aggiungere, direi che hai detto tutto te nella risposta! E non mi rimane che allargare le braccia e scuotere la testa.