13 aprile 2013

Dal giardino di risulta...

In questi giorni sto allestendo un giardino "di risulta", fatto con le piante che ho moltiplicato e che metto a dimora sulla parte del confine con la stradina. E'un po'incasinato il giardino di risulta, si fa con quel che avanza,ma so che quando tornerai a casa mia, guarderai le mie rose e dirai che sono belle. 
I gatti si faranno intorno, come al solito.
E io ti dirò che ho fatto questo giardino, proprio nei giorni in cui tu eri a Pisa e quando vangavo sentivo ancora l'odore della tua stanza. 

 photo 13DSC05432.jpg

Sono venuta a Pisa da sola, guidando,ora che ci penso, lo so che non è bello dirlo, ma a te non piaceva poi tanto che guidassi e invece bisogna saper guidare, non solo per andare incontro alle cose piacevoli della vita, ma soprattutto per affrontare quelle impegnative, come questa.
Il post operatorio non ti ha impedito di notare che appena entrata nella tua stanza, avevo con me un libro su Dante. 
E così nell'allestire il mio giardino, vangavo, sudavo, a tratti un po'piangevo, ripensando che mi hai insegnato ad essere onesta, di più, a fare dell'onestà la mia identità, ma mi dovevi fornire le istruzioni d'uso per questo mondo feroce. 
Del resto della mia istruzione anche scolastica non ti sei mai fortunatamente impicciato, hai lasciato che seguissi i miei percorsi, è comprensibile infatti che  se a una bambina racconti come favole le storie di Ulisse e di Itaca, devi un po'aspettartelo che anche da adulta  avrà sempre voglia di studiare. 

 photo 13DSC05433.jpg

E hai sempre accolto senza farmelo pesare l'ennesimo gatto randagio che ti portavo a casa, che magari gli altri una famiglia come la nostra non l'hanno mai capita, ma è pure  vero che certe cose si apprezzano in una giusta prospettiva temporale. 
Che poi non è nemmeno semplice una figlia che non sposa il primo fidanzato, ma ora che ci penso nemmeno il secondo o il terzo, ma sai che buffo sposarmi all'età in cui le virtuose figlie dei tuoi amici e conoscenti si sono separate!
E tu invece mi hai portato all'altare che eri bellissimo, ma la prima cosa  che ho osservato è che ti fossi appuntato sulla giacca una rosa rossa, quando io per l'addobbo della chiesa  e il mio bouquet  avevo scelto tutte rose gialle, e insomma, potevi almeno chiederlo, no? 
Sono o non sono un'appassionata di rose?!
Poi ieri, mentre vangavo per mettere le rose nel giardino di risulta, ho capito a un tratto la scelta di quella rosa rossa proprio quel giorno, perchè  era una rosa di mia nonna, cioè tua madre. 

 photo 13DSC05435.jpg

13 commenti:

francesca ha detto...

bello!
francesca

Maura ha detto...

Sei una splendida persona...
ciao Sara e buona serata.

Giuliano ha detto...

Grande Sara!!!Emozionante!!!

Alberto ha detto...

È mezzanotte passata da in pezzo e leggo queste righe e mi commuovo e ti ringrazio dei bei sentimenti che hai trasmesso con le tue parole.

viola ha detto...

Mi associo a Maura :) bellissimo scritto :) fortunato il tuo papà:)

Biagioli Alessandro ha detto...

brava

nucci massimo ha detto...

Confessioni di una quarantenne
ad un ottuagenario.
Ciao

Sara ha detto...

Veramente mio padre ha 68 anni!

UnUomo.InCammino ha detto...

Ora che sono babbo - prima non lo ero - e inizio a intuire questo mistero della vita e dei suoi cicli, mi commuove sempre quando questo amore tra radici e fusto, tra genitori e figli si manifesta nelle emozioni, negli avvenimenti della vita.
Che bella questa pagina. C'è questo affetto per la tua radice papà e lo si legge forte.
Gli farà sicuramente bene la tua vicinanza anche nei pensieri, in queste parole.
:)

Kylie ha detto...

Un bellissimo post cara.

Un abbraccio

nonno enio ha detto...

adoro le rose rosse, le regalo spesso ma non ne ho mai sfoggiata una sull'occhiello della giacca...

UIFPW08 ha detto...

Sui fiori e sulle piante cara Sara sei in superabile..
davvero!
Un abbraccio Maurizio

Adriano Maini ha detto...

Magistrale! Mi spiace solo averlo letto così in ritardo, questo delicatissimo post.