26 giugno 2013

considerazione minima

Sugli F35 la metteranno con la storia che dobbiamo rispettare gli accordi. Come con la TAV etc.
Gli accordi li dobbiamo rispettare solo quando ci sono delle scelte francamente incomprensibili e impopolari. E che ci tocca pagare care a sangue.
A parte che poi gli F35 rientrano in una strategia di guerra obsoleta, del passato, perchè la guerra mondiale  è in atto, casomai non ce ne fossimo accorti, ed è una guerra economica.
Allora sugli F35 stasera un servizio del tiggì 2 sosteneva addirittura che servono all'economia, cioè fanno lavorare, non si capisce come, talune  piccole aziende, per di più del nostro Sud! Ma tu pensa!
Allora se gli F35 creano posti di lavoro comperiamone 10.000!
Deduco che chi ha commissionato questo servizio surreale al tiggì 2 pensa che noi, malcapitati e avventizi telespettatori-abbonati siamo completamente scemi  da prendere per buona una simile panzana.
Visto che gli F35 gli garbano tanto sai dove gli direi di piazzarseli!

6 commenti:

Kylie ha detto...

Purtroppo dell'opinione pubblica se ne fregano tutti.

Francesco ha detto...

essere contro l'acquisto degli aerei è solo questione di buon senso, impedirebbe l'aumento dell'iva e questo la dice tutta

nonno enio ha detto...

se non si possono rinunciare alle commesse di questi maledetti e stracostosi aerei, se ne potrebbero ridurre il numero da 90 pattuiti a 10 a causa di una crisi economica mondiale che ha coplito noi più di altri. Oppure farli comperare all'Europa in nome di un futuro esercito europeo. A noi non servono perchè difficilmente andremo a bombardare qualcuno in futuro.

Alberto ha detto...

«Sugli F35 non contesto la scelta tecnica. Si tratta certo di un aereo migliore di quelli che abbiamo, e ci mancherebbe altro visto quanto ci costano…È però, l’F35, un aereo che è già meno sofisticato di quelli che stanno uscendo adesso e per i fanatici della tecnologia, sarà vecchio quando entrerà in servizio da noi. Quello che è ormai insostenibile, è la base concettuale sulla quale è stato fatto il programma: era velleitaria la pretesa italiana di volersi dotare di aerei che nemmeno gli Usa avevano in quel momento; era velleitario il programma numerico che nessuno in Europa si poteva permettere. Ed era velleitario, alla fine, perché non si capiva, e non si continua a capire, contro chi quel programma doveva essere impiegato».
Generale Fabio Mini, ex Capo di Stato maggiore delle forze Nato del Sud Europa, già comandante della missione Nato-Kfor in Kosovo nel periodo 2002-2003.

Biagioli Alessandro ha detto...

il mercato delle armi è il mercato piu florido al mondo e anche il piu potente..va anche detto che abbiamo circa 600 generali(il doppio rispetto alla seconda guerra mondiali) che smaniano per primeggiare ,non a caso il capo della marina ha gia dichiarato che la marina militare sta scomparendo che servono nuove navi...

UIFPW08 ha detto...

Alcune spese andrebbero meglio spese.
Maurizio