29 giugno 2013

lobotomizzati

Cena tra donne con le mie (ex) college. Passo prima dall'iper per prendere qualcosa e quindi metto nel carrello ciliegie, meloni, pesche, pomodori, coca light e chinotto light. 
Arrivo alla cassa, una delle poche aperte, mentre l'autoparlante ricorda che tra pochi minuti l'ipermercato chiuderà. La gente è in fila, le code innanzi alle casse sono piuttosto lunghe. 
In fila davanti a me una giovane donna in avanzato stato di gravidanza. 
Io ho un moto istintivo di sofferenza a vederla in coda, in piedi: "signora lei non dovrebbe fare la fila!", lei mi risponde che le casse in cui le donne con la gravidanza hanno la precedenza, a quest'ora sono chiuse e per giunta questa sera si sente anche stanca. Ci ritroviamo a commentare la cosa in tre, lei, il marito ed io, in merito al fatto che non ci sia la sensibilità da parte delle persone in coda davanti a noi  di cedere il posto a una donna che aspetta un bambino. 
Non potrebbe nemmeno intervenire la cassiera perchè è troppo impegnata dal carico di lavoro che sta fronteggiando e nemmeno riesce a vedere la signora in gravidanza.
Parliamo a voce un po'più alta del solito, ma la buttiamo un po'sullo scherzo, pigliando un po'causticamente di mira le casse automatiche con cui l'iper cerca di sostituire le cassiere in carne ed ossa: "Chissà quanta roba gli incxxxano" e quindi "Fanno bene!". 
Dopo un po'la coppia innanzi alla signora incinta, si propone per cederle il posto, è chiaro che sono stati sollecitati dai nostri commenti sull'insensibilità delle persone,  ma con uno scambio di battute la signora in attesa e il marito si accordano affinché lei, troppo provata, vada in macchina ad aspettarlo e lui resta in fila alla cassa.
Sicuramente se all'iper ci fossero più cassiere si ridurrebbero i tempi di attesa e potrebbero loro stesse indirizzare le donne in stato di gravidanza ad avere la precedenza in tutte le casse, non solo in quelle due o tre segnalate.
Ma se davanti a una donna in avanzato stato di gravidanza non c'è chi sente la delicatezza di cederle il posto, vuol dire che siamo proprio messi male!

7 commenti:

Francesco ha detto...

è l'Italia, bellezza!

viola ha detto...

credo di si, siamo messi piuttosto maluccio...

Morena Della Valle ha detto...

Le casse automatiche stanno davvero sostituendo le persone, nei supermercati sempre più casse "normali" chiuse e una fila immensa davanti a queste macchine infernali che fanno perdere solo ed esclusivamente tempo!
Qualunque commento per l'insensibilità dell'uomo verso una donna incinta non ha parole...chissà dove finiremo!

OpheliacRock ha detto...

Si ha sempre più paura a fare gesti che possano essere scambiati per umani.

RobbyRoby ha detto...

Ciao
dove vado io in tutte le casse le donne incinte hanno la precedenza alle casse e questo è giustissimo. Alle casse automatiche non c'è molta fila, io faccio la spesa passo ogni prodotto in un rilevatore prezzi e poi vado alla cassa e pago. Se non c'è la rilettura non devo nemmeno tirare fuori quello che ho comperato dal carrello, pago e basta.

UnUomo.InCammino ha detto...

La vita è dura a volte. E ciò vale per tutti, donne gravide comprese.
Non penso che sia una degenerazione contemporanea. È una trasformazione contemporane. Le donne in attesa in societá rurali, comtadine o anche industriali facevano lavori anche pesanti fino all'ultimo.
Abbiamo percezione e sensibilitâ molto diverse ora. Non di rado ipersensibilità e fragilità (mancanza di tempra). Anche alcuni codici comportamentali si sono trasformati ora.
Meglio?Peggio? Non so.

Ernest ha detto...

il buonsenso non abita più qui!!! cmq tra un po' sostituiranno anche i clienti