09 settembre 2013

Pensieri in viaggio #5 quelle che....

Mi sono fermata un'oretta all'outlet, quello famoso. Forse anche perchè i vestiti erano cari a bestia, e proporzionalmente insulsi, più che le vetrine, mi sono scoperta a guardare la gente. Anzi le donne. Ho notato due donne veramente chic, non più giovani, entrambe bionde con le meches, magre. Ho notato quelle con le gonne a balze, quelle con la panza di fuori. Quelle con le gambe kilometriche. Quelle rotondette che si dirigevano verso il negozio delle taglie morbidose. Quelle a far la fila davanti ai gelatai, come nella canzone di Baglioni.  Quelle come le commesse che cercavano di fare bene il loro lavoro, anche se si capisce che la casa madre sta mollando gli ormeggi. Quelle che avevano in una mano la sigaretta e nell'altra la borsa di cartoncino bianco del negozio, con il logo gigante. Quelle come me intente a sbirciare tra gli scaffali della profumeria....

7 commenti:

Mariella ha detto...

Gli outlet ci riflettono meglio che uno specchio.

Francesco ha detto...

gli outlet mi piacevano qualche anno fa. oggi no

Gianna Ferri ha detto...

Non c'è dubbio che si risparmia...

Alberto Cane ha detto...

Uomini niente?

Ernest ha detto...

conclusione: senza outlet vivremmo meglio, senza donne comunque siano (eccetto le Santanché concedetemelo) non potremmo farcela...

Kylie ha detto...

Io appartengo a quelle rotondette che girano un po' qua e là.

Bacio

Nik ha detto...

Con le mie entrate ormai posso solo permettermi outlet cinesi...

Hai ragione: è più interessante osservare le genti!