04 agosto 2014

post didattico: l'ailanto, ovvero un ecomostro

Photobucket
Questo è l'ailanto che ieri ho estirpato nel giardino: poi l'ho tagliuzzato, ma se avessi potuto gli avrei anche dato fuoco!
E'una piantaccia, cresce veloce, ha radici potentissime, è in grado di crescere praticamente ovunque a danno della flora originaria e cosa ancor peggiore, gli uccellini non lo riconosco e quindi non ci nidificano.



Photobucket


E'una pianta nociva da estirpare senza pietà!
E'detto comunemente anche albero del paradiso, nome assolutamente inappropriato, mentre con una certa pertinenza qua a Sarzana è definito nosa bacada cioè falso noce.

(post di recupero, scritto nel 2011)

26 commenti:

fracatz ha detto...

maledetto ailanto

Francesco ha detto...

che dio incenerisca l'ailanto

UnUomo.InCammino ha detto...

Ailanto...
Forse il miglior esempio vegetale di crisi ecologica da invasione di specie aliene.
Arrivi tardi, Sara. Io ne avevo scritto qui e qui. >:)

Per il contenimento prima e l'eliminazione poi ci vuole pazienza e costanza (uno dei pochi lati utili di quell'essenza), fino ad alcuni anni di lavoro.
Data la spaventosa invasività della pianta è necessario intervenire subito con i mezzi più efficaci, anche se, purtroppo, sono chimici (a mali estremi, estremi rimedi).
Gugglando "eliminare l'ailanto" trovi utili referenze.

Ele781 ha detto...

Oddio, che fa di cosi grave per meritarsi di essere incenerito???

Vera ha detto...

E puzza anche non poco!
lolololololololololololololololololololololoiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii liiiiii
Come vedi anche la zampette ti sauta10101no passeggiando sulla tastiera.
OK la nuova versione, si vede tutto bene e grazie per la via assegnatami, chissà se tra gli illusi o le graziose :D

Molto creativa la tua suddivisione poetico-musicale.

Primo Junior ha detto...

Io, non penso che al momento della creazione ci fosse un sindacato così forte ad obbligare in nostro, ma ancora di più il tuo Creatore, ad essere costretto ad avere la settimana corta e sbagliare come nell'essere umano. Quindi, letto nelle sacre scritture che si riposò solo la domenica, tutto resto deve essere utile. Le sue radici lunghe per logica possono essere utili se l'uomo riuscisse a contenerle su terreni franosi o sugli argini dei fiumi, ma visto che l'uomo è stato creato di domenica si diverte di più a fare le guerre, e l'unica cosa che riesce ad incenerire sono i bambini con quelle missioni chirurgiche. Non esiste pianta, erba, fiore, che meritetebbe di essere incenerita....non esiste in questo pianeta! Ciao, buona serata.....

Biagioli Alessandro ha detto...

in netto dissenso con l autrice scrivero un breve e sperticato elogio:Grazie Ailanthus altissima per crescere ove non cresce nulla spesso nelle discriche abusive e lungo le scarpate della ferrovia grazie

Kylie ha detto...

Se sopravvive in un vaso in terrazzo lo voglio!

Un abbraccio cara

Anonimo ha detto...

ciao Sara, ti metto questo link http://meristemi.wordpress.com/2009/05/27/anche-i-marziani-sono-verdi/ sulle specie aliene (anche il pomodoro lo era..).
magari ti ricredi. ciao! Mafalda

Anonimo ha detto...

ciao Sara, ti metto questo link http://meristemi.wordpress.com/2009/05/27/anche-i-marziani-sono-verdi/ sulle specie aliene (anche il pomodoro lo era..).
magari ti ricredi. ciao! Mafalda

Sara ha detto...

l'alianto entra in competizione con la flora autoctona e il fatto che cresca in ruoli degradati, non ne accresce il valore, semmai ne attesta il livello di pertinacia.

Sara ha detto...

ti spaccherà il vaso. lo fa anche con i muri.

Mariella ha detto...

" Dagli all'alianto"!!!

Federica ha detto...

quella delle specie aliene è uan vera piaga sia per la flora che per la fauna

nonno enio ha detto...

spesso ci chiediamo se nella catena biologica non si formi qualche buco oscuro...

tvandtv ha detto...

nel giardino di mia mamma c'è una erbaccia che forma velocemente un fusto importante, in altezza e x dimensioni, ha delle radici assurde e fa delle bacche viola.. qlla si andrebbe estirpata dal mondo.. la tua nn ho mai vista.. ; )

Primo Junior ha detto...

Adoro le piante (nocive), se poi hanno le bacche viola non si può chiedere di più dentro il proprio giardino. Così diversi l'uno dall'altro.....

UnUomo.InCammino ha detto...

Incredibile come possano esserci tanti commenti giulivi e spensierati favorevoli a questa sciagura ecologica.

E' proprio vero che esistono masse di persone sempre piu' grandi completamente sradicate dalla Terra, ecologicamente analfabete oppure - e' peggio! - con le piu' assurde credenze.

Questo paese e questo mondo non hanno speranza e... forse e' bene che sia cosi'.

Primo Junior ha detto...

Certi uomini si buttano sempre sulle briciole dei problemi ecologici. Che poi, se non si è arrivati a percorrere con un litro di carburante oltre 500 km ci dev'essere una spiegazione. Vediamo se con qualche milione di euro si riesce a mettere a protezione una 40 di milioni di alberi di ulivo.....maledette radici, che danno!

Sara ha detto...

la perdita della cultura agricola si è consumata dal un bel po'di tempo, purtroppo.

Primo Junior ha detto...

Esatto, quello che dicono gli anziani contadini.

Sara ha detto...

Certo altrimenti come sarebbe stato possibile vendere le zucchine a gennaio?!
ma sai quanta gente adulta, e per adulti intendo di 50, 60 anni, credono che le cose coltivate in serra abbiano le stesse proprietà nutrizionali di quelle coltivate all'aria aperta?

UnUomo.InCammino ha detto...

Un compagno del gas, quello che ci fa il pane e che ando' a discutere con gli anarchici perche' per le loro feste andavano a fare la spesa alla Metro, disse e dice sempre che la prima cultura e' quella del cibo.
Se non c'e' la cultura/coltura del cibo, della Terra, non c'e'nessun'altra cultura, come non ci sono edifici robusti, sicuri, che resistano al vento, senza fondamenta.

Anonimo ha detto...

L'ailanto invasivo?! Credo non piu' dell'uomo moderno che sta distruggendo la natura ormai da un secolo. Anche l'ailanto e'utile non fosse altro che per il particolare miele che le api sanno trarre dal suo polline.L'avete mai assaggiato? la signora g

Sara ha detto...

Utile? non mi pare l'unica pianta che produca fiori e polline!

Anonimo ha detto...

state male voi il diserbante lo fumate. L'ailanto e' una calamita' che mette a rischio l'esistenza dei vostri amati alberi,piante e...il miele -.-''. Distrugge e si ciba di ogni forma vegetale con cui entra in contatto . E' una piaga su cui non si puo' discutere o meno se e' carino o simpatico.E' una pianta parassita molto difficile da estirpare