Colomba pasquale

La colomba era buona. Anzi, lo è ancora , perchè non l'abbiamo spazzolata tutta.
Era una colomba dell' Admo, così che una volta aperta, inaspettatamente,  è venuto fuori un bigliettino dell' associazione con il volto di Fabrizio Frizzi.
E noi lì a esclamare di sorpresa :Ohhhh!
Niente uovo di cioccolato, perchè non l'ho vinto alla lotteria e allora non mi sembrava il caso di comperarne uno. Logico, no?
Ho scaricato un app contapassi e contacalorie,  domattina vado a  scalare la colomba!

6 commenti:

Francesco ha detto...

Io tapascio

semola ha detto...

... fai in modo che ne resti...
... solo una piuma ...

UnUomo.InCammino ha detto...

I miei genitori mi fecero presente, da sempre, che
o - le uova pasquali sono fatte di cioccolata scadente
o - contengono giochini scadenti
o - sono ammantate da ventiseichilivirgolasette di orribile plasticame lucido ultra kitsch
o - sono care oltre ogni ragionevole limite.
Conclusione: mai comprato né avuto né desiderato uno di quei cosi in casa.

Buone feste pasquali/di primavera, Sara.

Lorenzo ha detto...

I miei nipoti si sono beccati tipo sei uova di cioccolato a testa. Mentre mio fratello si lagnava di avere buttato via cinque sacchi di giocattoli. Del resto, il mondo è sfaccettato e quasi tutte le facce manifestano follia.

Stamattina mi sono fatto il mio solito giretto 5k bici - 10km a piedi - 5km bici e, temendo la folla tipo "spalancate le gabbie", sono partito presto, all'ora in cui escono i cicloamatori.

Quindi ero l'unico vestito "normale", ovvero con un paio di pantaloni estivi, scarpe per camminare, una felpa. Tutti gli altri erano vestiti con il solito assortimento di "capi tecnici" a colori fluo col casco, i guanti, le scarpe apposta, ecc. Non basta. I "professionisti" si dividono in due tribù, quelli che insistono con la "vecchia scuola" di fare gruppo con le bici da corsa e poi andare verso la brianza, dove cercano le lunghe salite per soffrire di più e quelli più "alla moda" con la mountain bike, con la quale fanno i saltelli dentro il parco (ce ne sono alcuni anche in montagna, questi si dividono loro volta tra "puri" e "assistiti con motore elettrico").

Cosa c'è di più triste dell'impiegato cinquantenne in tutina fluorescente e casco che fa i saltelli con la mountain bike dentro il parco? Due impiegati. Di quelli che vanno in montagna ho scritto in altra sede.

Per dire che il diluvio di uova di cioccolato dei miei nipoti, come le loro merendine giornaliere, sono una ricaduta della decadenza generale dei costumi, di cui la gente non ha nemmeno la percezione perché è "dato di fatto", è "normale".

M. ha detto...

Io dovrò scalare l'Everest....è sicuro. Sicurissimo.

Lorenzo ha detto...

Ho scritto anche di quello, sulle pendici della montagna ci sono centinaia di cadaveri insepolti lasciati dalla "moda" si scalare l'Everest.