Attività al pubblico

Io sono abitudinaria nei miei acquisti e per me la differenza non la fa un euro, ma la persona e apprezzo sempre la gentilezza  e la competenza di chi sta dietro il bancone.
Alle volte anche il modo di dire un "no" ad un cliente, nel mio caso fa la differenza, forse in quel momento non c'è una cosa in negozio, o non è possibile fare una prestazione, ma dimostrare premura verso la persona che è innanzi a noi, per quel poco impegno che costa, è importante. Magari il cliente tornerà un'altra volta!

Sul mercato corrente, quando una persona ha varcato la porta della tua attività, è già un risultato.
Lo so che è banale scrivere queste cose, però lo è anche dare la colpa alla crisi, quando probabilmente non si è tagliati per stare a contatto con la gente. Oppure bisogna ridefinire globalmente il proprio modo di lavorare.
Scrivo queste cose pensando all'estetista a cui chiesi se poteva farmi un lavoro da 5 minuti, ma mi ha risposto seccamente di no perchè stava aspettando un'altra cliente. 
Al ristoratore che lo scorso anno per Pasqua ci ha rifilato una bidonata globale, lesinando non già sul menù, buono per carità,  ma sul numero del personale di sala:non si può sprecare una domenica di sole stando seduti al tavolino!
Allo store di commercio elettronico, informatico etc. dove i commessi chiacchieravano tra di loro, magari di cose importantissime, ma non mi fai aspettare in piedi come una scema, cioè se devo scegliermi un prodotto da sola, tanto vale farlo in rete!
C'è pure quel tale del negozio di animali, dove ero solita uscire con 40, 50 euro di spesa  che ebbe la malaugurata idea di venirmi a fare discorsi inopportuni sul padre di Renzi, così si è perso la sottoscritta come cliente, renziana madre di due splendidi gatti famelici! Quello dove vado adesso non parla di politica e se passo da lui con il cane Slim al guinzaglio, gli regala un bon bon da sgranocchiare.

22 commenti:

Lorenzo ha detto...

Non si può leggere una donna adulta che afferma di essere la madre dei gatti.

Sara ha detto...

Tu spiegalo ai gatti!

Lorenzo ha detto...

Tu insegna a leggere ai gatti e io glielo spiego.
D'altra parte, sei renziana.

Sara ha detto...

Certo!

Lorenzo ha detto...

Ah, bei tempi quando un demagogo caduto in disgrazia vedeva il suo nome inciso sui cocci e doveva fare i bagagli e andare in esilio, invece di ripresentarsi in assemblea bello e abbronzato. Ah, come sarei contento se la famosa "Italia migliore", comprese e soprattutto le varie fazioni "migliori dei migliori", seguissero i loro dogmi di fede sulla necessità e virtù del migrare ed andassero tutti in Patagonia o alle sorgenti del Nilo a fondare una colonia paradisiaca, lasciando qui da soli noialtri della feccia.

Il disturbo della maternità felina si cura facilmente con una bella tassa annuale di tremila euro a gatto. Anche se è vero che il signor Vendola non si è fatto scoraggiare ed è diventato mamma spendendo dei bei soldini. I nostri soldini. Non mi meraviglierei se qualcuno della "Italia migliore" si facesse venire l'idea di aumentare lo stipendio delle archiviste per consentirgli di pagare la tassa sul gatto.

Mariella ha detto...

Buona Pasqua cara Sara.

fracatz ha detto...

in genere i commercianti son tutti molto abili e quelli che non conoscono bene il mestiere falliscono a meno che non siano tabaccai o farmacisti

Sara ha detto...

Lorenzo ma sei scemo?!

Federica ha detto...

La mia panettiera che quasi non saluta quando entri in negozio non è più la mia panettiera...

Francesco ha detto...

E poi questi esercizi commerciali non si stupiscano se le persone comprano on-line

Lorenzo ha detto...

Certo Sara, sono scemo.

Sono scemo perché non vedo delle persone, dei parenti, meno che meno dei figli nei cani e nei gatti e non solo mi sembrano matti quelli con gli animali in casa ma non mi piace nemmeno l'odore di piscio e merda.

Sono scemo perché non penso che un piazzista di aspirapolvere toscano o un imbonitore ligure siano dei condottieri visionari o dei profeti mandati da Dio e mi ostino a leggere i programmi prima di andare a votare, con l'aggravante di continuare a credere che si voti per eleggere Deputati e Senatori invece del "premier".

Sono anche scemo perché nessuna delle "priorità ineludibili" che elencava la signora Boldrini, messa li dal piazzista per via dei pesi e contrappesi della "sinistra", per me hanno senso, anzi, nel migliore dei casi sono delle pagliacciate, nel peggiore sono dei deliri di follia auto-distruttiva.

Comunque, risolta la faccenda della mia acclarata scemenza, ti farei presente che tu stessa hai scritto di avere fatto un certo numero di scelte sbagliate in passato. Hai mai sentito il detto che errare è umano ma persistere sbagliando è da archiviste? Un conto era essere ingenuamente renziani nella fase ascendente della parabola del piazzista, un altro conto era essere pervicacemente renziane davanti al drastico calo delle vendite degli aspirapolvere, un altro ancora è essere renziane nostalgiche, davanti al piazzista licenziato dai suoi referenti tipo De Benedetti, calpestato dai concorrenti e tradito dai sodali. Siamo a livello "bunker di Rignano".

Io sono solo contento se il PD svanisce nel nulla. Il guaio è, cara Sara, che i "renziani" non furono e non sono fedeli come te fino alla morte, invece rompono i ranghi e corrono ad arruolarsi nelle fila degli stellati. Il nostro piazzista, quello che faceva i discorsoni all'ONU, a forza di spiegarci il mondo alla lavagna in maniche di camicia, è riuscito a mettere in mano il centro-sud dell'Italia agli iscritti di un forum. Una roba che nemmeno il suo sosia Topo Gigio.

viola ha detto...

Cara Sara un augurio di cuore per una serena Pasqua a te @ e pelosi tutti :)

Francesco ha detto...

Eppure mi domando ancora perché dal pianeta non sia stato ancora chiesto a Lorenzo di guidare l'umanità, lui unico genio evidentemente incompreso

Novella Semplici ha detto...

Purtroppo ci sono casi di persone che stanno al pubblico e non ci sanno stare. Io compro tanto on line da produttori selezionati e di persona da negozi ancora più selezionati. Da lavoratrice al pubblico dico che esistono anche tanti clienti altrettanto maleducati. Purtroppo caratteristica prettamente italiana.

semola ha detto...

... a me capita soprattutto negli uffici pubblici di trovare scarsa disponibilità, ...il commerciante poco gentile e destinato a chiudere, dall'altro lato l'utente ha scarsi mezzi...

UIFPW08 ha detto...

Passo per i miei auguri per una persona SPECIALE
Auguri Sara
Buona Pasqua
Maurizio

UnUomo.InCammino ha detto...

Tu avresti desiderato dei figli, Sara?

Sara ha detto...

@ Uomo ma i gatti son gatti!

Lorenzo ha detto...

A riprova che i "genitori" dei cani/gatti sono dei poveri scemi:
Obbligo di lavare la pipi.

Nota bene che la scemenza è duplice, non consiste solo nel sottomettersi al rituale di tirare su la merda con le mani e (pare) di lavare la pipì, almeno, quelli che dicono di farlo perché dalle mie parti lo fanno in pochi. Consiste anche nell'obbligare tutti a convivere col fastidio del proprio "figlio" cane/gatto, tipo il commerciante che si trova l'ingresso pisciato ogni santo giorno. Tutte le mattine all'alba sotto casa mia c'è il concerto delle bestie, alcune rinchiuse nei cortili, alcune nelle case, altre per strada. Le galline almeno fanno coccodè insieme all'uovo.

A proposito di Lorenzo = genio e imperatore della Galassia, io sarei anche d'accordo ma mi tocca sottolineare che tra "genio" e "minchione di sinistra" c'è una gamma infinita di intelligenze mediocri. E' abbastanza probabile che a Lorenzo basti essere mediocre e descrivere i fatti per lasciare indietro il "minchione" e il suo mondo fatato.

Francesco ha detto...

La pensione di mamma arriva domani?

Lorenzo ha detto...

Ahaha, un tratto tipico "del minchione di sinistra" è quello di essere impervio alla auto-ironia involontaria. Proprio la transumanza dei "renziani" verso gli "stellati" promette di pagare a tutti il famoso "reddito di cittadinanza". In casa mia non c'è nessuno che percepisce pensioni "di sinistra" ne tantomeno gente che pensa che la "cittadinanza" garantisca un reddito. Siamo in presenza di una variante del Comma 22 applicata agli ex-comunisti.

Francesco ha detto...

Riceverai una pensione di destra

Anche perché avrai scritto milioni di commenti (990.000 da quello lì) e non si capisce ancora che fai nella vita

Sara è archivista, io modestissimo dirigente di azienda, quello lì fa l'informatica, l'altro compare insegnante.

Lorenzo non si sa, peggio di un residente a Corleone negli anni della lotta tra Riina e bontade. Omertà e mutismo. Alle spalle di qualcuno campi!