Incontro

La incontro mentre torno dall'aver fatto una commissione: come va? Come stai? Cosa fai? Mi dice che prende "il reddito" e sono 500  euro che "sono poche".
E non posso non pensare che tuttavia in proporzione sono sempre di più di quello che prende io che per andare a lavorare mi alzo alle 6 e mi faccio 30 km AR, ascoltando radioitaliasolomusicaitalianaaaaa...
Ma un lavoro? Insomma alla tua età? Alla nostra età!
Ma lei in questi 50 anni non ha mai lavorato, non ha nemmeno studiato, anche se per un periodo ci ha provato, credo che abbia vissuto, o meglio convissuto con quella depressione che già aveva quando ci frequentavamo più o meno dai 25 ai 30 anni fa. 
L'aiuto della mamma, un po'della nonna quando c'era.
Il viso segnato dalle rughe. 
Si accende una sigaretta"Ma come fumi sempre? ", " Tu hai smesso, brava!devo smettere anch'io"
Io quando sento parlare di droghe leggere, non posso non pensare a lei, che fumava i cannoni e che beveva la birra dal boccale di  Tizio o Caio in discoteca e non credo che taluni comportamenti non abbiano influenzato il suo umore, contribuento a causare quel male che fa di lei una donna sempre fragile, in eterna attesa di crescere.

Commenti

Pier ha detto…
A questa conclusione ci sto arrivando anche io, a persone ferme nel tempo che in qualche modo scontano i comportamenti sbagliati del passato... e poi:

Una mente condizionata da ciò che ha studiato ed appreso da cultura e contesto sociale, seleziona fra tutti gli stimoli esterni solo quelli che meglio si adattano alla sua concezione di mondo. (cit.)
Nuvola ha detto…
Un quadro per nulla invidiabile o rassicurante.

Se penso a chi riceve certi "redditi"... Una manovra irresponsabile.

Inoltre non è giusto chiamarlo così: se è di cittadinanza, dovrebbe essere distribuito tra tutti i cittadini italiani: anche a me, mia madre, i miei figli, etc.
Sara ha detto…
@Nuvola!🌹🌹🌹🌹🌹
UnUomo.InCammino ha detto…
Oltre uno dei milion mila esempi di danni da deresponsabilizzazione dovuti al reddito di fancazzanza.
MaratonetaGiò ha detto…
Il reddito di cittadinanza, spesso supera le pensioni di chi ha lavorato una vita e questo mi deprime. Ho lavorato fino a 67 anni e quando sento che oltre il reddito di cittadinanza esiste il reddito di pensione mi si arrovellano le budella.
fracatz ha detto…
molto del futuro delle persone viene deciso nei primi 10 anni di vita, poi è troppo tardi.
Le vecchie generazioni erano educate ad affrontare la vita anche senza l'aiuto della fortuna, ma oggi un giovane che sogna futuri fantastici, poi se la fortuna non l'assiste, cosa può fare?
Per fortuna che c'è il reddito e così almeno 2 giovani sfortunati saran costretti a sopportarsi a vicenda per poter sopravvivere o a scannarsi tra di loro e farla finita.
Far i genitori oggi è davvero difficile
Filippo ha detto…
Il rdc dovrebbe essere una soluzione d'emergenza, ma noto che molti se lo 'godono' a tempo inde. Spero io che parlo di non cadere mai in quel pozzo profondo. Dio mi aiuti.
Franco Battaglia ha detto…
Amci? Amiche? Tu ad esempio?
semola ha detto…
... ti diranno: "Sara, tu sei stata fortunata! Hai avuto una famiglia che ti ha seguito! che ti ha fatto studiare!" ...
... poi ripenso ...
... al discorso di mio babbo, semplice muratore , non ricco borghese: "Qui i soldi son pochi, ma tu pensa a studiare, questo sarà il tuo lavoro per i prossimi anni, non preoccuparti io mi impegnerò, ma solo se lo farai seriamente anche tu!"...
... ai pomeriggi in cui io ero chiuso in casa a studiare e mi chiamavano "Dai vieni a fare una partita al pallone!" ...
... o alle domenica in cui facevo il servizio allo stadio "in e fuori casa", o in spiaggia d'estate, per non gravare troppo sui miei ...
... ai libi fotocopiati e al pendolarismo ...
... al pianto a dirotto di mio babbo alla mia laurea, pur non avendo capito nulla della mia tesi, forte gli era giunto al cuore il mio 110 e lode...
... e poi al tirocinio, al Co.Co.Co, poi Co.co.Pro, al socio accomandante all'1% ...
.... eh no, non sono solo stato fortunato, mi son fatto il mazzo!!...
Sara ha detto…
@ Franco ci frequrntavamo da ragazze, eravamo nel solito gruppo, oggi abbiamo vissuti molto diversi.
Sara ha detto…
@ Semola: quoto tutto! 👏👏👏👏👏
Alexander Biagiolius ha detto…
l unica droga seria è la cocaina ...è una frase che ripeteva sempre un mio compagno di banco il quale spacciava al pomeriggio per permettersi una moto 125 ultimo modello,piumini Millet e tutti quei brand anni 80 costosissimi -per la gita del quinto che io organizzai a Capri porto sia il fumo che la cocaina -e io giunsi alla conclusione che aveva ragione l unica cdroga seria era la cocaina .per fortuna all epoca costava tantissimo e io non ne fui mai attratto anche quando inizia a lavorare convinto come ero e sono che la migliore droga è per me lafica
comunque non tutti hanno avuto i genitori che hanno creduto di avere un figlio in grado di prendere l ascensore sociale..
Mr.Loto ha detto…
Per esperienza ti dico che è meglio astenersi dal giudizio. Bisognerebbe aver vissuto tutta la vita, emozioni comprese, dell'altra persona per capire davvero perché è in un certo modo e si comporta nei modi che a noi sembrano sbagliati.
Buona serata.
blogredire ha detto…
Voglio il reddito di cittadinanza anch'io!
Claudia ha detto…
Una conoscente che lavora in un patronato mi ha consigliato di chiedere il reddito di cittadinanza, che tanto "ce l'hanno tutti". Io preferisco evitare.
Caterina ha detto…
Certe scelte giovanili prese a volte con leggerezza, possono condizionarti per tutta la vita. Questa persona credo che viva un grande disagio, dispiace.