24 luglio 2008

FESTE!

Sfoglio il giornale: festa della birra a Marola. La ma amica Tiziana mi diceva ieri di una festa della frittura di pesce tentasi nell'entroterra pisano. Tempo fa proclami di una sagra del tartufo in Lunigiana.
Feste del vino in giro non ce ne sono molte mi pare: conosco solo quella rinomata e datata che fanno a Baccano a settembre, mentre mi pare che di feste della birra d'estate, dalle mie parti, ce ne siano in abbondanza. E non è che da queste parti mi risulta ci siano prestigiosi centri di produzione della bevanda in questione.
Ma probabilmente si guadagna di più a vendere birra piuttosto che vino, anche se non la si produce. Come diceva Renzo Arbore, secoli fa, in un famoso spot pubblicitario "meditate, gente, meditate!"

1 commento:

luca ha detto...

CONSUMATORI


Sono qua, nudo e crudo, con i piedi sullo sgabello, a leggere il blog della mia amica Sara.



Sara, lo dico a chi non la conosce (...e mi perdonerà chi la conosce già) non è una donna comune. E' una Silfide, genio dei boschi, creatura dell'aria. Oltre a ciò, è una donna sveglia e intelligente, che sa far capire ciò che pensa, e ciò che vuole.

Ora, leggendo alcune frasi sul suo blog, Ella m'imbecca l'argomento che cercherò di sviluppare.

Vorrei parlare di alcuni luoghi comuni che si usa utilizzare nelle trasmissioni tv, veri e propri tormentoni che i giornalisti ripetono ad ogni pié sospinto, frasi usate e abusate. Ecco la mia speciale classifica:


1) "Le famiglie non arrivano a fine mese"


Abbiate pietà, le famiglie ci arrivano, a fine mese, non possono fare altrimenti. La frase veritiera sarebbe: "La famiglia Italiana ha bisogno di due o più redditi per sopravvivere. Da ciò si deduce che il tempo destinato allo studio, all'arte, all'osservazione della bellezza e al godimento fisico è destinato ad assottigliarsi sempre più."


2) "La congiuntura economica è negativa"


Io sono nato nel 1964. Da allora ho visto l'austerity, le convergenze parallele, la Cosa, la Cosa Rossa e i girotondi, i girotondini e i dipietrini, e tutti a dirmi.. "La congiuntura economica è negativa"

Nel frattempo mi sono trovato un lavoro, due lavori, ho aperto una ditta e l'ho richiusa, mi sono comprato una casa e qualche macchina, ho scritto un romanzetto e qualcos'altro, ho generato un figlio e l'ho quasi cresciuto, nonostante la C.E:N. Cosa sono, un eroe? E pago sempre tutto,e non sono contento...


3) "Dobbiamo investire sui giovani"


Questa è la mia preferita. I giovani da sempre pagano tutto. Da sempre sono forza lavoro, da sempre sono i consumatori prediletti dalle multinazionali, oltre ad essere carne fresca da mandare alla guerra. I giovani, in quanto consumatori, mangiano e cagano, mangiano e cagano, e quindi concimano...


Non finisce qui...

Alla prossima.