10 gennaio 2014

Maestro impegnativo

Io adoro Sant'Agostino. Da sempre. Va beh, da quando ho 17 anni.
Così stamani quando stavo rileggendo,  un po'oziosamente lo ammetto,  per l'ennesima volta un'introduzione critica a Le Confessioni, sull'autobus che mi portava al lavoro, ho preso atto che egli iniziò a scrivere quell'opera straordinaria, la coscienza dell'uomo d'Occidente che si racconta a se stessa, quando aveva 43 anni, la mia età attuale.
Ecco lui alla mia età ha scritto un' opera smisurata! grandiosa! mi sono sentita un tantino inadeguata...

8 commenti:

Francesco ha detto...

io a 43 anni avevo una bellissima auto

Nik ha detto...

Be tu hai scritto il tutorial per le talee di rosa ben prima.

E lui senz'altro non avrebbe nemmeno saputo che cos'è una talea di rosa.

Marco Neri Da Re ha detto...

Cara Sara, e io allora cosa dovrei dire? Alla mia età (34) Douglas Hofstadter aveva già pubblicato "Gödel, Escher, Bach: an Eternal Golden Braid", un'opera monumentale di genialità assoluta...

UnUomo.InCammino ha detto...

Sant'Agostino.
Una figura interessante.
Passato da un estremo al suo opposto.
La cosa che non capisco è come poté diventare un moralista sessuofobo terribile dopo quello che visse.

Giò ha detto...

Altri tempi, si direbbe. Ma pensa che Agostino d'Ippona, algerino, per far sentire che esiste nel suo "occidente", oggi probablmente dovrebbe imbarcarsi su un gommone e provare a raggiungere Lampedusa.

Biagioli Alessandro ha detto...

santa subito! ;D

Mariella ha detto...

Inadeguata? Io a 43 anni ero in piena crisi adolescenziale!

Spirito Libero ha detto...

I suoi insegnamenti...sono una pietra miliare. Alla fine di tutto, la summa del pensiero si traduce in queste semplici parole: se vivi, vivi con amore, se ami, fallo con amore, perdoni, fallo per amore.
Per chi non crede...e' stato solo un mattone di teologo. Meno male che i mattoni sono questi...aggiungo io... ^_^