fenomenologia dei diettini


I diessini, volevo dire, i diettini, sono creature molto socievoli, infatti sul loro profilo in facebook sono pronti a dare adesione a qualsivoglia associazione/consorzio/circolodellapiadina, che possa dar loro il senso di appartenenza a un'organizzazione. 
In gioventù il diessino , pardon, diettino inizia a darsi alla vita sociale facendo volontariato alla Festa dell'Unità, no, non certo a friggere gli sgabei o a servire ai tavoli!no! avete mai visto un diettino che lavora? no, vero? si, una volta pare che ne abbiano visto uno cambiare una lampadina, ma non ci sono testimonianze dirette...

Per sua natura infatti il diettino si astiene da attività che potrebbero fare di lui un   vile meccanico ,  per dirla con il Manzoni, creatura stazionaria il nostro  preferisce star seduto a non  fare un belino e dunque allo stand dei libri  della Festa dell'Unità e quando qualcuno passando di lì indugia sui medesimi, il diessino, pardon, diettino, sprofondato nella sedia di plastica da giardino, sentendosi osservato, lo guarda con un sorriso un po'ebete, come a dire: ne hai ancora per molto?
Alla formazione giovanile del diettino concorre anche l'università, egli di regola frequenta Legge o Lettere, ma a differenza della diettina femmina, che ambisce con determinazione alla professione forense, il diettino maschio spesso non si laurea, sebbene stia per anni all'università. Io stessa ne conobbi uno che mi confessò che lui non si era laureato perché quando preparava gli esami....studiava troppo! cioè lui non studiava Dante, come facciamo noi comuni mortali, lui studiava tuuttttto Dante e così non finiva mai di preparare gli esami...
Del resto tra il popolo diettino fa scuola l'esempio del Maestro, ovvero D'Alema, che studiava alla Normale di Pisa, ma era così intelligente, ma così intelligente, giuro ho sentito affermare queste testuali parole, che il Partito l'ha preso e chiamato alla sua missione.
Non so voi, ma se il Partito che lo lasciava alla Normale, oggi avremmo un professore di Filosofia in più, ma saremmo di gran lunga un Paese migliore. 
I vantaggi di appartenere a una compagine sono diversi, in primo luogo si risparmia di elaborare un pensiero autonomo, perchè c'è l'organizzazione che pensa per te e ti evita la fatica dell'esercizio celebrale e così quando al diettino chiederai come fa, ad esempio, a continuare ad accettare che quel gran corrotto e corruttore delle nostre parti,  sia parlamentare europeo per il PD, del suo Pd, per intenderci, non quello di Renzi, il diettino,  proclamerà solennemente : "in Italia ci sono tre gradi di giudizio!" , perchè questo è il mantra suggeritogli dall'apparato.
Ah, il senso etico dei diettini"! Quando poi il corrotto & corruttore in questione alle prossime europee, farà il salto della quaglia e si candiderà per il partito dei nemici, quelli che hanno un capo anziano per intenderci,  il diettino resta senza parole, in attesa che il Politburo emani un ennesimo comunicato ad hoc . E se lo interroghi sulla faccenda, lui ti dirà che non sa niente, perchè dal diettino non  puoi cavare  un parere personale, dato che per principio, per essenza costitutiva, lui non prende mai una posizione che sia autenticamente sua. 
Pur di essere accettate in un'organizzazione queste creature sono pronte a rincorre qualsiasi leader, così sul loro profilo in facebook li vedrete entusiasmarsi contemporaneamente per Bersani, Barca, Civati,  Cuperlo, Renzi...no, Renzi no! A loro è stato insegnato fin da piccoli che Renzi  è un cattivone e che vuol sfasciare il partito e che la Leopolda è un felino enorme che si nutre dei poveri diettini che si allontanano dalla retta via....una cosa terribile, sigh!
Di che cosa vivano i diessini, padron, i diettini non sempre è chiaro, molti fanno lavori strani e non si capisce bene di cosa si occupino, nella stragrande maggioranza dei casi il diettiino, quando non farà il politico di mestiere, avrà un impiego pubblico, in qualche ente di quelli che le persone di buonsenso fanno fatica a capirne l'utilità. Ma il vero trionfo dei diettini  è nel sindacato, tant'è che hanno un sindacato che è quasi tutto loro, anche se si ostinano a chiamarlo Cgil, così che è facile, anzi proprio inevitabile che uno dal vertici della Cgil passi a quello del partito dei diettini, il che spiega come mai, ad esempio, con contro la riforma delle pensioni Fornero - Monti, si sono fatte addirittura ...tre ore di sciopero!Uh! uh!che paura che si prese quella volta la Fornero!
Il diettino aveva un nonno comunista.


7 commenti:

fracatz ha detto...

non mi sembra il caso di dilungarsi, è la solita classica suddivisione umana, che poi si può ridurre ai minimi termini molto noti a noi pornodidattici insomma i
Metinculi e Pianculi

Francesco ha detto...

ma tu gatta renziana come potrai sopportare questi diessini o diettini che verranno eletti, spero il meno possibile, alle europee ?

Sara ha detto...

i diettini non sono renziani, sono diettini!

Giò ha detto...

Non sono mai stato troppo attento alle dinamiche mercenarie di quel partito, nemmeno quando fingeva di essere comunista organizzando pellegrinaggi a Odessa, stile viaggio della speranza a Lourdes... Il dato è che questa gente è in grado di sopportare di tutto giacché riesce a sopportare se stessa. Ho solo il rammarico di aver visto soffrire per le loro scelleratezze autocelebrative ed autoreferenziali milioni di persone che volevano continuare a sperare in una prospettiva diversa! Ed in cambio di faticose Feste dell'Unità hanno ricevuto disillusioni e tradimenti, intelligenza col nemico. Dentro il sindacato la musica non sembra troppo diversa: standing ovation per Landini, ma Camusso segretaria! Non si sa mai...

Mariella ha detto...

Ma tranquilli voi tutti diettini e renziani, che tanto vi sistema quello oltre Hitler.
Ha la lupara bianca.
Con un bel sorriso e l'aria "bonaria" da intervista televisiva fatta lì dove avrebbe detto che non si sarebbe seduto mai...
Ahhahahah

UnUomo.InCammino ha detto...

Sai che il gioco di parole diettino invece che diessino non l'ho capito?

Ernest ha detto...

ahhhhhhhh mi hanno boicottato! potere dei diettini. E' la terza volta che provo a scrivere e va via la luce.
Cmq ripeto.. Io farei a meno volentieri dei diettini dei renziani dei cuperliani e anche dei civatiani per non parlare di altri.
Vorrei sentire qualcosa di sinistra ogni tanto, ma ogni tanto.