15 maggio 2015

quello che non ho...




Quello che non ho è quel che non mi manca.

cfr. M. Bubola e F. De Andrè

18 commenti:

Ernest ha detto...

...che altro aggiungere.

Francesco ha detto...

foto acchiappa commenti ! :-)

Anonimo ha detto...

Bellissima!

E contenta per te, per la frase che posti sotto! :)

Un abbraccio Sara!

Nuvola

UIFPW08 ha detto...

Chi si accontenta gode.
Un abbraccio
no.. due sono meglio
Buon fine settimana Sara
Maurizio

semola ha detto...

.... ma perchè guardi a destra???
.... io pensavo guardassi a sinistra!!!!!

@enio ha detto...

ma che dovresti magari comperare a rate!

Sara ha detto...

Belin Enio!

La Laura ha detto...

:)

Agricoltore Anacronistico ha detto...

Citazione che uso spesso.
Convinzione che talvolta vorrebbe abbandonarmi.
Caparbietà che mi mantiene aggrappato alla convinzione.
Ed ancora, citazione che uso spesso.
A.A.

Alberto ha detto...

Eppure qualche desiderio anche piccolo... no?

Lorenzo ha detto...

E' una ovvia menzogna. Nella natura umana c'è l'esatto contrario e cioè desiderare quello che non si possiede, l'erba del vicino, la moglie del vicino, la mucca del vicino, eccetera.

La "sinistra" genericamente cerca di rispondere a questa pulsione con l'idea di suddividere le cose in maniera "più equa", cioè ridistribuendo erba, mogli, mucche da chi ne ha tanto a chi ne ha poco.

Storicamente sono state elaborati due altri metodi, più efficaci.

Il primo consiste nel rigettare il valore delle "cose terrene" per condurre una vita il più possibile eremitica. Infatti essere fisicamente distaccati in un eremo è più facile che chiedere un pezzo di pane in una cucina imbandita.

Il secondo consiste nell'approccio contrario e cioè dare valore solo alle "cose terrene", tutte e sole quelle che si hanno in mano in un dato momento. L'idea sarebbe che se hai le mani piene di erba, moglie e mucca, non hai tempo e voglia di considerare erba, moglie e mucca di altri. In questo caso l'inconveniente è che funziona se hai una dotazione sufficiente di erba, moglie e mucca.

Mi accodo a Francesco per la foto ma la prossima mettici che ne so, una spalla nuda :)

Sara ha detto...

Belin Lorenzo tei psicologo(detto alla spezzina)

Lorenzo ha detto...

In questo caso no, ho solo riportato un sunto della Storia.

La psicologia tende ad essre l'arte della manipolazione degli altri e la sua principale applicazione pratica non è la salute della gente, è il marketing.

Ci si potrebbe domandare a questo proposito se un artista "produce" per il gusto di farlo oppure se lo fa per piacere ad altri, con tutti i corollari.

semola ha detto...

..... allora diciamo .....
....di quel che ho ....
... non mi manca nulla...
... può andare?
... ci sono opposizioni ....
.... a destra o a sinistra...o al centro ....

UnUomo.InCammino ha detto...

Ecco 'na rosa apuana!
Chi ha fatto la talea?
:)

Federica ha detto...

allora sei molto saggia!

diego ha detto...

peccato che non ho tempo, perchè la riflessione di lorenzo meriterebbe una risposta articolata, in quanto coglie un nodo centrale del problema, anche se non tiene conto di alcuni fattori, pazienza, quando ho tempo ci ritorneremo su

Silvia Negretti ha detto...

Bè io direi, non solo quello che mi manca! ;)
baci!
S
http://s-fashion-avenue.blogspot.it