09 febbraio 2016

timeo danaos , palma ferentes

Davvero sorprendente questo abbondare di gente che in tv o nelle riviste, medici, nutrizionisti, dietisti o opinionisti, pronti a rassicurarci che l'olio di palma non fa male. E c'e'pure gente che gli crede!
A pensar male. Soprattutto quando dicono che farebbe addirittura bene all'ambiente.
Io non sono un'esperta e non ho gli strumenti scientifici per valutare criticamente se sia o meno nocivo, credo pero' che venga adoperato perche'pesa, quindi i biscotti che costano ad esempio 10 euro/kg hanno una parte di peso imputabile al olio di palma che notoriamente costa pochissimo. Il vantaggio di utilizzare un ingrediente a basso costo e'solo del produttore, non gia'di chi acquista, che oltrettutto deve leggere gli ingredienti scritti in caratteri molto piccoli.
Ammesso che l'olio di palma non faccia male, cosa di cui fortemente dubito, quando una multinazionale dolciaria utilizza un ingrediente a bassissimo costo, con il risparmio che ottiene puo'pure pagare la coscienza di chi e'pronto a elogiarne le straordinarie virtu'.

21 commenti:

Lorenzo ha detto...

Il guaio è che lo usano ovunque, non solo le multinazionali, anche nei prodotti di pasticceria.
Fanno eccezione solo certe linee particolari per esempio certi biscotti della Coop, quelli con marchio verde. Bisogna guardare sempre le etichette. Oppure farseli da se.

semola ha detto...

..... meglio un burroso dolcetto fatto in casa ....

Sara ha detto...

I dolci fatti in casa...

Lorenzo ha detto...

Mannaggia la memoria. Fero il verbo latino non regge l'accusativo? Non dovrebbe essere "palmam -palmas ferentes"? Oppure "oleum palmareum"... :) Avessi un figlio al liceo, avrei ripassato.

fracatz ha detto...

io non lo userei nemmeno in caso di estrema necessità in qualche incontro

Sara ha detto...

Lorenzo ho scritto palma per dona, per lasciare la stessa desinenza.

Anonimo ha detto...

a me c'è chi ha insegnato tante cose in fatto di alimentazione

semola ha detto...

Io rimembravo ...." Timeo danaos et palma ferentes!" ... mo' chiedo a Porcete e a Caribea se lo ricordano ......

Pietro Sabatelli ha detto...

Ho trovato pareri discordanti in effetti sull'olio di palma...ho mangiato dei biscotti ma dopo un po ho deciso di non mangiare più cibi con quell'olio, male o non male..meglio evitare

UIFPW08 ha detto...

L'olio di palma è come facebook te lo trovi ovunque quanto prima perfino nel caffè..
per fortuna possiamo scegliere ..meglio.
Buona vita Sara.
Maurizio

Marco Poli ha detto...

Tuttavia, leggendo i vostri commenti scettici, non ho trovato 1 solo motivo per ritenere l'olio di palma nocivo ...

Marco Poli ha detto...

{ anch'io, come Lorenzo, ricordo [ fero + accusativo ], palma in latino esiste ed è sostantivo della I declinazione, pertanto sarebbe :

timeo danaos , palmas ferentes .

Anzi, sarebbe meglio usare l'arcaico ferentis - fino al I secolo d. C., tutti i nomi e gli aggettivi maschili o femminili della III declinazione con genitivo plurale in -ium hanno l'accusativo plurale in -is, e il proverbio parafrasato nel titolo di questo post è tratto dall'Eneide di Virgilio - e pertanto :

timeo danaos , palmas ferentis }.

===

UnUomo.InCammino ha detto...

Sostanzialmente l'olio di palma è uno di quei rimedi a problemi precedenti e gravi che comportano un ulteriore aumento di problematicità.

In soldoni: l'olio di palma ha alcune caratteristiche tecnologiche interessanti per la industria alimentare dei prodotti da forno, per quella cosmetica, etc.
In campo alimentare, avrebbe dei sostituti molto migliori come l'olio di semigirasole (biologico, ottenuto con lavorazioni a freddo).

Ma
1 - questo olio è decisamente più caro e se i prodotti da forno costassero di più poi la_gggente non potrebbe comprarsi l'iPhone nuovo ogni due anni, andare il fine settimana sul Mar Rosso, andare all'outlet a comprarsi la sedicesima borsa blu etc. e tutti questi diritti a più diritti di diritti.
2 - la mostruosa sovrappopolazione europea necessita di quantità di grassi appunto mostruosa.
Se dovessimo produrci l'olio di semi di girasole bio necessario dovremmo eliminare centinaia di migliaia di ettari di frumento, erba medica, lenticchie, boschi, non ci sarebbe spazio per le autostrade, case, ipermercati, etc.

L'olio di palma è una di quelle infernali genialate degli homo per delocalizzare i problemi e peggiorarli.
Vedere, ad esempio video e altro qui, i simpatici e allegri effetti del "diritto di più tutto per più tutti", olio di palma compreso.

Però oltre ai mandibolatori europei ora i kompagni sostituzionisti hanno insindacabilmente deciso che bisogna voi inferiori piccoli ignobili europei borghesucci xenofobi razzisti dovete accogliere senza se e senza ma altre decine di milioni di mandibolatori invasori con appetito e ingordigia di consumismo feroci e ancora peggio dei mandibolatori da sostituire.

Ovviamente con un bellA crescista di PIL woow!! ovvero bilancio ecologico complessivo ancora più devastante e una maggior predazione dei paesi da cui si prendono queste risorse.
Come al solito i kompagni riescono a realizzare esattamente il contrario di ciò che urlano come invasati da mane a sera.

Marco Poli ha detto...

Ti ringrazio della spiega, Uomo, e [ l'ho rilanciata sul mio ].
Ma ...

LA NUTELLA E' SACRA !

Sara ha detto...

Io non mangio nutella dal 1994

Claudia ha detto...

Ho letto meraviglie sull'olio di palma, scritte da un produttore di alimenti biologici. Basta che non sia idrogenato! Proclamava.

Per non saper nè leggere nè scrivere, io lo evito.
In genere non acquisto alimenti pronti e non cado in tentazione nemmeno riguardo il sapone.
Fare il sapone è uno dei miei vizi, e so che quasi tutti gli appassionati usano oli tropicali.
A me viene benissimo anche con formulazioni in teoria impossibili, quindi non ho bisogno di aggiungere oli tropicali per ottenere la schiuma.

La spiegazione che mi pare più adeguata, riguardo il grande successo dell'olio di palma nell'alimentazione, è che
1) costa poco
2) è un olio "asciutto" più denso di altri a temperatura ambiente, quindi si può utilizzare in grande quantità (abbassando il costo e) dando friabilità, ma allo stesso tempo limitando la sensazione di mangiare una cosa intrisa d'olio.

Nuvola ha detto...


Questo post mi ha fatto ricordare che mia madre mi ha portato della cioccolata dall'Eurospin che ancora non ho mangiato.

Tra gli ingredienti burro di cacao e pasta di cacao, no "grassi vegetali" lasciato così non specificato.
Dite che c'e' anche li' l'olio di palma?

Anzi adesso la sono andata a prendere e ne ho mangiato un cubetto!

Claudia ha detto...

No grassi vegetali? Il burro di cacao è animale? Il famoso lardo di cacao, famoso scimpanzé della Nuova Zelanda... Mah.

Nuvola ha detto...

Oh signore!

Nella dicitura "grassi vegetali" di solito si nasconde l'olio di palma, per quanto ne so.

Il fatto che non scrivano "grassi vegetali" ma "burro di cacao" significa che, probabilmente, usano burro di cacao (che e' vegetale, si', ma più prezioso dell'olio di palma).
Nella pasta di cacao (e questa era la mai domanda) e' nascosto olio di palma? Io credo di no, ma non ne sono certa. Semplicemente palesavo questa domanda.

Certo, potevo essere ignorante come una capra, e pensare che "burro=da animale" e "olio=da vegetale".

Claudia, grazie per avermi infilato nella categoria degli scemi.

Marco Poli ha detto...

Io non mangio nutella dal 1994

Ma ...
come fai a vivere ????????????????????????????????????????????????????

Sara ha detto...

Nuvola guarda che Claudia ha detto in modo simpatico, senza annoverare nessuno in categoria, l'ambiguita'che rivelano certe etichette e in ogni caso talune strategie commerciali, dato che adesso l'olio di palma e'guardato con sospetto, ma allora perche'non scrivere categoticamente se c'e'o se non c'e'un ingrediente?