16 ottobre 2016

Indovina chi viene a cena!

Renzi porterà a cena da Obama alcune signore che danno lustro al nostro Paese. Benissimo!
Ma se ci fosse ancora quello che faceva il presidente del consiglio a tempo perso, possiamo ben immaginare la tipologia delle sue commensali!

25 commenti:

Lorenzo ha detto...

Renzi porterà:
- Benigni, quello della Costituzione Più Bella Del Mondo che poi erano solo gli articoli che non sono oggetto della "riforma", gli altri non sono belli manco per niente, dice ADESSO.
- Porterà una atleta para-olimpica, che, sia detto col massimo rispetto, essendo una ragazza che si è costruita una bella immagine di successo pur mancando di gambe e braccia, solletica la compassione morbosa - circense della gente, è lei la prima a dirlo. Renzi è sempre dentro tutte le fotografie, è un'arma a doppio taglio per i comprimari, che si fanno usare in cambio di non so cosa. Tralasciando l'aspetto della disabilità, gli atleti degli "sport minori" sono tutti DIPENDENTI STATALI, come nell'Unione Sovietica. Vorrà pure dire qualcosa.
- Poterà il sindaco (la sindaca) di Lampedusa, il cui merito pare sia quello di "accogliere" i poveri profughi, come se avesse scelta. Attendo che qualcuno mi spieghi che significato avrebbe questa presenza, lo stesso del barcone piazzato a Bruxelles per combattere l'egoismo?
- La curatrice del dipartimento di Architettura e Design del Moma, non so chi sia e soprattutto non ho idea di cosa ci sia nel suo dipartimento presso il Moma. Dubito che interessi uno come me che vive nella periferia di Milano, appartamento nel palazzone coi mobili del Mercatone. Forse interessa Fedez nel suo attico da milioni di euro, dentro e fuori.
- La direttrice del CERN, niente da dire. Spero che ci vada a nome della ricerca scientifica europea e non a fare la spalla di Renzi, come sopra per la atleta.

Spero che queste donne facciano da interpreti.

La Laura ha detto...

quasi quasi divento renziana anch'io - come la tua gatta

UIFPW08 ha detto...

Quoto il tuo pensiero Sara per fortuna erano altri tempi e speriamo che ..si mangi bene.
Maurizio

Sara ha detto...

Lorenzo quella campionessa è un esempio per tutti, poi io credo che la morbosità sia nell'occhio di chi osserva.

Lorenzo ha detto...

Sara, dove vuoi che sia la morbosità, nell'occhio di chi è osservato?
Hai scritto una tautologia.

"Una tautologia (dal greco ταυτολογία, composto di ταὐτό lo stesso — τό lo e αὐτό stesso — e λογία per λόγος discorso), in logica, è un'affermazione vera per definizione,"

Ti faccio notare che Renzi poteva chiedere, non dico portare perché se lo chiedesse a me io direi "no grazie", a qualsiasi atleta affermato, ce ne sono decine, uomini, donne e presumibilmente anche gay, che adesso sono di moda.

Eppure, per qualche "strana ragione", ha scelto l'atleta bambina cresciuta senza gambe e braccia. Che magari è la persona migliore o più indicata per incontrare il Presidente degli USA, non lo so, dato che non so quale sia la "strana ragione" per cui Renzi assembla il suo A-Team con un attore un po' bollito, il sindaco di un Comune-isola, uno schermidore, un curatore di museo e il direttore del CERN, se non appunto l'aspetto intrinsecamente circense del PD.

Mi viene in mente la canzoncina dei bambini:
"Ci son due coccodrilli
ed un orangotango
due piccoli serpenti, un'aquila reale
il gatto, il topo, l'elefante
non manca più nessuno:
solo non si vedono i due liocorni"

A parti invertite, chi porterebbe Obama a cena da Renzi?

A proposito del passato, sono sicuro che negli USA sono ben forniti del genere ospiti per cene eleganti gradito al povero Silvio, che adesso è gravemente malato e mi sembra da maramaldi infierire. Solo che negli USA sono ben attenti a non sputtanare urbi et orbi i loro leader, nessun giudice americano danneggerebbe l'immagine della Nazione anche a costo di piegare la Legge. Da loro i presidenti finiscono facilmente morti ammazzati e non si sa come e perché.

fracatz ha detto...

però ha avuto un gran coraggio, perché le donne son invidiose, si odiano tra loro ed ora tutte queste saranno odiate, magari le altre lavoreranno controvoglia, si daranno malate più del solito,

Francesco ha detto...

vabbè, Renzi ne ha di limiti, ma rispetto a Silvio è il primo degli statisti

Marco Poli ha detto...

Beh ...
effettivamente, Bebe Vio mi attizza;
spero nei progressi della cibernetica applicata alla fisiologia umana, che un giorno le possano dare il pieno controllo di braccia e gambe artificiali.

Ma ...
ce ne dovrebbe fregare davvero di quest'occasione mondana plasticosa, specchietto per gli stupidi, a casa di uno dei più grandi macellai della Storia ?

{ boh }.

===

semola ha detto...

... se paga Renzi la gitarella a cena potrà pure invitare chi vuole!!!

Ernest ha detto...

no comment su Benigni...

Lorenzo ha detto...

Francesco, la differenza più importante tra Il Caro Leader e Mi Consenta è che il primo è il segretario del PD, quindi, per definizione, qualsiasi cosa faccia è nel giusto.

Se le stesse cose le dicesse o le facesse qualsiasi altro che non appartenga al PD e/o alla galassia della "sinistra", ci sarebbero le piazze affollate di gente che canta "Bella Ciao" e diluvio di avvisi di garanzia.

La figura tristissima di Benigni è la prova vivente di quanto ho appena scritto.

Marco Bertoli ha detto...

@ Lorenzo, Sara intendeva dire che è uno sbaglio ingenuo giudicare gli altri secondo se stessi.

Dubito che interessi uno come me

Ma che cosa interessa mai uno come te? Me lo chiedo davvero.

Carlo ha detto...

E' probabile che gli argomenti discussi durante l'incontro verteranno sulla questione siriana, sul terrorismo e sui difficili rapporti tra Nato e Russia, anche perché sono gli attuali grandi temi internazionali. Ecco perché non comprendo il significato del codazzo di "celebrità" che si porta dietro, moglie compresa. A meno che non voglia sfruttare il "sostegno" del presidente americano, già manifestato all'ultimo G20 in Cina dove Obama aveva citato le riforme portate avanti dal governo italiano come un "esempio", nonché la presenza di "testimonial" del SI alla riforma costituzionale, per rilanciare le sue politiche di governo in Italia, quelle che gli stanno procurando non pochi problemi di consenso. Insomma, l'ennesimo spottone pubblicitario tutto interno per recuperare percentuali di credibilità e sostegno che, ultimamente, sembra un po' aver perso.

Al dunque, il dubbio è che siamo passati dal presidente frequentatore di signorine di bella presenza (e facili costumi) al presidente che si fa accompagnare da "signore" che danno lustro... in ogni caso, presenze finalizzate ad uno scopo!

Il secondo migliore del primo? Per chi, come me, detesta le politiche perseguite da questo governo, avversa le "riforme epocali" imposte a colpi di fiducia e sostiene, convintamente, il NO alla riforma costituzionale, anche se per motivi diversi sono entrambi moralmente e ideologicamente da criticare.

Ciao Sara.

(p.s.: sono cosciente che questo, come tanti altri spottoni pubblicitari diffusi durante l'attuale campagna referendaria, faranno comunque "presa" su un pubblico che già da lungo tempo vive di miraggi e rifiuta di guardare la realtà).

Lorenzo ha detto...

Mi è sovvenuto un dubbio.

Vista il taglio della notizia dato dalla propaganda di regime, magari qualcuno ha inteso che l'Imperatore Obama abbia invitato il Caro Leader ad una cena tra loro due e ristretto numero di "amici".

Non è cosi, si tratta di una cena di gala con oltre duecento (200) invitati, con tanto di esibizione di rockstar e ballo (credo) con accompagnamento della banda dei Marines.

UnUomo.InCammino ha detto...

R. da tempo è peggio di B.

Il secondo aveva una cricca di ladri intorno. R., invece, sta procedendo alla frantumazione sociale del paese, è una rotella in un ingranaggio extrademocratico, sovversivo estremamente pericoloso.
Meglio un capo dei ladri con delle donne disinibite che un personaggio "moderato" di una castalia criminale.

Lorenzo ha detto...

@ Marco Bertoli;
"Ma che cosa interessa mai uno come te? Me lo chiedo davvero."

Mi sembra un po' strano che ti tu ti chieda "davvero" cosa mi possa interessare. Io non mi chiedo cosa interessi te.

Comunque, mettiamola cosi, è questione di priorità e di prossimità.
Quando ti fanno male i denti o hai fame, quella è l'unica cosa che ti interessa. Poi ti interessano le cose e le persone che sono nel tuo intorno immediato. Poi ti interessano le cose e le persone in un ambito più vasto e cosi via. Cosa succeda su Plutone mi interessa molto meno di avere l'acqua calda nella doccia.

Ne consegue che del dipartimento XYZ del Moma non me ne frega una beata mazza, non penso che visiterà mai il Moma in vita mia, potrebbe anche non esistere e per me non farebbe nessuna differenza. Del resto penso che il 99% degli Italiani, dei quali moltissimi sono semi-analfabeti, non sappiano cosa sia il Moma.

Invece mi riguarda e mi interessa che il signor Carlo sopra confermi il mio sospetto e cioè che agli Italiani è stata venduta tramite manipolazione della informazione che Sua Eccellenza il Caro Leader si appresti ad un incontro al vertice con l'Imperatore Obama nell'Ufficio Ovale, mentre invece si tratta di un ricevimento con centinaia di invitati, dove si incontra gente, si beve, si mangia, si ascolta la musica eccetera. Mi riguarda e mi interessa per via delle conseguenze.

Lorenzo ha detto...

Invece, a proposito di
" Sara intendeva dire che è uno sbaglio ingenuo giudicare gli altri secondo se stess"

Ecco i frutti della Scuola italiana.

Primo, non solo non è ingenuo ne sbagliato "giudicare" (l'espressione appropriata sarebbe "valutare") gli altri secondo "se stessi", è anche l'UNICA COSA che puoi fare. L'alternativa è non "giudicare" autonomamente ma adeguarsi ad una direttiva altrui, ripetendo uno stereotipo.

Secondo, nel caso in oggetto il "giudizio" non riguarda la signorina Vio, diciamo che si godrà il ricevimento alla Casa Bianca. Il "giudizio" riguarda chi la ESIBISCE, sfruttando la semplicità infantile di chi, come sopra, dovrebbe "giudicare" ma non è in grado di farlo e quindi si adegua alla direttiva.



Marco Poli ha detto...

Quoto Uomo, su R. e B.;
il referendum costituzionale, poi, è la ciliegina sulla tossica torta del governo più tossico della Repubblica : il cavallo di Troia per inserire l'asservimento definitivo alla UE e alla NATO nella carta costituzionale.

... se paga Renzi la gitarella a cena potrà pure invitare chi vuole!!!

No, Semola : la ''gitarella'', la ''cena'', gli annessi e connessi, li pagano i cittadini ''italiani''.

...

Che poi, non capisco l'avversione delle donne perbeniste ( e del loro triste codazzo di maschietti evirati, talvolta dissimulati da uomini virilmente probi - comunque evirati, e tristi ) verso le prostitute ( = le donne che praticano il sesso per professione ) : piuttosto che infamarle come le comari nel paesino piccino della provincia, avrebbero tanto, ma TANTO da imparare da loro.

:)

===

UnUomo.InCammino ha detto...

> per inserire l'asservimento definitivo alla UE e alla NATO nella carta costituzionale

Leggere riflessioni di Luigi Sertorio, uno che nella NATO c'è stato prorprio dentro e ad alto livello.

Francesco ha detto...

http://www.nextquotidiano.it/gli-insulti-bebe-vio-la-cena-alla-casa-bianca/

comunque questa italia a cui sono tanti cari guelfi e ghibellini, grillini e salviniani, incendiari del web e piromani della rete..... beh, anche a sto giro ha perso una occasione per tacere

Sara ha detto...

Verissimo, il padre dei cretini è sempre gonfio di viagra.

Lorenzo ha detto...

Dai Sara, porco mondo.
Arriva belle bello Francesco, esibisce un po' di aneddoti pro domo sua e improvvisamente eccoci con una chiara definizione del bene (il PD) e del male (tutti gli altri). Mi fa ridere questo modo di fare perché è ovvio che si può fare la stessa cosa e sostenere la tesi esattamente contraria, ovvero citare commenti di gente di uguale tenore e tesi opposta per sostenere chi è "padrone della rete" (già questa espressione denota conformismo).

Io insisto su quanto scritto sopra:
1. Il Caro Leader non va a cena da Obama con la signorina Vio, va ad un evento di gala con altri duecento e passa invitati. Ma la propaganda di regime ha interesse a enfatizzare il rapporto "amicale" tra Obama e il Caro Leader, come se fossero amiconi e pari grado. Cosa falsa per cento ragioni, tra cui il fatto che Obama è stato eletto con voto nominale dagli Americani e il Caro Leader è stato solo incaricato dal Presidente della Repubblica.

2. A me non importa chi partecipa al sopracitato evento di gala. Inizia a darmi fastidio quando si fa del simbolismo infantile, tipo "il Caro Leader rappresenta l'Italia del Futuro dove tutti sono uguali, bianchi, neri, donne, uomini, alti, bassi, normodotati e portatori di handicap" e la prova consiste nel fatto che si fa vedere in giro con la signorina Vio. Doppia infinità di menzogne e paradossi, nel merito e nel metodo.

3. A proposito dei cretini. Domanda: Corrire, Repubblica, Stampa, eccetera, sono pubblicazioni per una elite di intellettuali oppure sono un prodotto di massa esattamente come "la rete"? Le finte-notizie che pubblicano servono ad informare gli intellettuali o a formare l'opinione dei cretini di cui sopra?

Francesco ha detto...

qui si parla di coglioni che insultano un'atleta paraolimpica. o, se preferisci, una handicappata. io, per dire, ho dato ragione a Brunetta a sentirsi offeso dalle parole di Dario Fo. la civiltà non è un optional, e se nelle file del male ci sono più grillini e leghisti trattasi di dato di fatto

Sara ha detto...

Vasectomia al padre dei cretini!

tvandtv ha detto...

e gli hanno rifilato il Vermentino tarocco..