04 agosto 2017

Mi consuma l'estate


Io ho delle cose da fare, non posso permettermi di fare le valigie e passare una settimana in vacanza, che poi l'ultima vera vacanza che ho fatto, insomma che vai in un posto con i camerieri, dove c'è qualcuno che ti rifà  il letto etc. ,risale a epoche geologiche delle quali ho perso la memoria.
Al mare non sono andata eppure  è qui a un passo,  anzi a una pedalata di bici, ma la mia famiglia ha avuto ed ha bisogno di me e quindi ho fatto il mio dovere e pure quello di qualcun altro. 

Avendo aderito poi nei mesi scorsi a un'associazione di volontariato locale, mi sono ritrovata a lavorare per diverse sere nella festa annuale in qualitàdi cameriera:è stato pesantissimo, anche perché arrivavo all'inizio della serata con il pregresso della giornata di lavoro e degli impegni domestici e famigliari. Alla quarta sera di fila ero ko, mi è venuta anche un po' di febbre e avevo i dolori come quelli che si provano quando piglia l'influenza. 
La settimana successiva ho cercato di prendere meglio la misura, per faticare un po'meno ed è andata meglio. Sono stata contenta di questa esperienza, intanto per la riuscita generale dell'evento, che è stato un successo di pubblico, fin dalla prima serata, veramente è venuta tantissima gente.Poi fare la cameriera è stato utile per mettermi alla prova in un lavoro diverso dal mio e non è sempre stato piacevole:una sera mentre stavo servendo a un tavolo, la fronte mi si imperlava per il sudore e una ragazza guardandomi si è messa  a ridere, io non le ho detto niente, ma da come l'ho guardata deve essersi sentita scema.
Il caldo tuttavia mia ha creato disagi limitati, anche se un po'certe notti ho tribolato e sarà per questo che ho fatto sogni brutti.
Una notte ho sognato che ero convolata a nozze con un bruttone che frequenta l'istituto dove lavoro, che poi per la cronaca nella realtà il signore in questione non è antipatico,ma nemmeno simpatico, per altro è pure quel genere di uomo che non è solo tirchio,ma proprio micragnoso e insomma nel ritrovarmi sposata a lui maledicevo la mia dabbenaggine.
Un altro sogno orribile, forse perchè sono stata colpita dalle quotidiane vicende narrate dai telegiornali, mi vedeva partecipare alla commemorazione di un femminicidio, cerimonia che si teneva in un giardino a Sarzana. Io conoscevo sia la vittima che l'assassino, due persone di una certa età e la madre della vittima mentre mi faceva vedere la foto della figlia, una signora bionda minuta con il caschetto , uccisa con taglio alla gola a filo del mento mi diceva che Woodcock il famoso pm, prima di vedere il cadavere aveva dovuto assumere un tranquillante. 
Che poi forse ho sognato Woodcock perché io lo trovo proprio un bel tipo e ho invidiato la Sciarelli di Chi l'ha visto, quando ho saputo che è il suo compagno!
Venendo agli aspetti meramente giardinicoli, devo dire che mi sto un po'stufando, perché passi avere impegni con i propri cari, passi doversi prendere cura dei propri animali, Apua ormai è vecchina e mi tocca farle scendere le scale tenendola in braccio, ma essere vincolata alle annaffiature quasi quotidiane di  vasi, vasetti, talee etc. è diventato troppo impegnativo anche per una gentildonna di campagna come me.

11 commenti:

Francesco ha detto...

io questa notte ho sognato che ero un compositore di sinfonie classiche ed in particoalre affermavo di essere l'autore della marcia di radetzky, solo che nello spartito al posto delle note c'erano delle immaginette di cavalli

woodock è un coglione ed è il simbolo del fatto che la giustizia è il principale problema in Italia. non è mai andato a sentenza definitiva nella sua carriere. e non mi pare così bello.

ah, foto acchiappalike direi :-)

Lorenzo ha detto...

Due cose.
Vacanza significa solo essere assenti nel luogo dove sei normalmente presente. Non significa affatto avere i camerieri che ti servono. C'è gente che ha i camerieri senza "vacare" e gente che "vaca" senza un cameriere nei pressi. La vacanza, cioè l'assentarsi dal luogo dove si è presenti di solito, pare avere diverse ragioni, alcune delle quali sono abbastanza incomprensibili. Il difetto principale, per quanto posso vedere, è che "vacare" è come prendere in prestito un'altra vita ma la devi restituire dopo poco. Il gioco vale la candela?

Femminicidio deve essere l'uccisione di una persona che ama il pericolo, un po' come quelli che saltano sopra le auto con la moto e quindi frequenta regolarmente un pazzoide pericoloso di proposito, per vedere l'effetto che fa. Altrimenti si chiamerebbe "omicidio", cioè l'uccisione di una persona qualsiasi per un qualsiasi motivo, tipo rapina, lite d'osteria, eccetera.

viola ha detto...

Donna virtuosa!

Sara ha detto...

Viola!!!

franco battaglia ha detto...

Mettersi alla prova con qualcosa di di diverso fa bene e aumenta spesso l'autostima, a corollario poi di lavoro e impegni familiari come quelli che sostieni, ne aumenta il valore .. certo uno stacco "coi camerieri" che ti servono, a me non dispiace.. anche se poi si torna alla vita normale..

La Laura ha detto...

Il vestitino ti dona, anche la capigliatura. Tutto molto piacevole, anche la descrizione della fatica. Però non dovresti esagerare, come fai. Gentil donna: riguardati.

fracatz ha detto...

vita dinamica e travolgente anche nei sogni
48 24 63 sulla ruota di genoa

UnUomo.InCammino ha detto...

Il tuo volto qui ha i canoni stilistici di molte donne nel tango.

UnUomo.InCammino ha detto...

Fai molti sacrifici.
Spesso leggo di tua abnegazione per altri, impegni pesanti dei quali ti incarichi.
Posso augurarti un po' di sano, ecologico egoismo?

diego ha detto...

ammiro la tua grandissima forza di volontà

bella fuori (anche la foto a dimostrazione) e bella dentro, per gli intenti sempre morali del tuo agire, ecco come sei

il caldo favorisce gli incubi, è vero

di uomini ovviamente non so giudicare, ma il woodcock non mi pare una bellezza (la sciarelli è graziosa, questo sì)

se ce la fai, anche un po’ di riposo, prenditelo

Patalice ha detto...

sia anche per cose futili, ma indispensabili come l'aspetto esteriore, accettare di mettersi in gioco è prioritario per diventare persone migliori