la bella sconosciuta

 photo 2giuDSC05743.jpg

rosa della quale ignoro il nome, a cui dedico una poesia di Guido Gozzano


    Ad un'ignota

    Tutto ignoro di te: nome, cognome,
    l'occhio, il sorriso, la parola, il gesto;
    e sapere non voglio, e non ho chiesto
    il colore nemmen delle tue chiome.
    Ma so che vivi nel silenzio; come
    care ti sono le mie rime: questo
    ti fa sorella nel mio sogno mesto,
    o amica senza volto e senza nome.
    Fuori del sogno fatto di rimpianto
    forse non mai, non mai c'incontreremo,
    forse non ti vedrò, non mi vedrai.
    Ma più di quella che ci siede accanto
    cara è l'amica che non mai vedremo;
    supremo è il bene che non giunge mai!

6 commenti:

nonno enio ha detto...

bella poesia, non la conoscevo... un'ode dedicata all'amata trasportata su un fiore... un bell'accostamento.

MR ha detto...

Romantico struggente gozzano... E bella e pertinente rosa...

viola ha detto...

bella poesia! la rosa assomiglia a una New Dawn però chissà:)))

Mariella ha detto...

Che importanza ha il nome, se la sua vista è sogno.

Giuliano ha detto...

Splendida poesia che quasi dispiace dare un nome alla rosa che comunque come dice Viola dovrebbe essere New Dawn

Francesco ha detto...

Gozzano è il poeta che portai alla maturità nella prova orale di italiano