18 gennaio 2012

Il governo Monti in sintesi.


E il premio sperato, promesso a quei forti,
Sarebbe, o delusi, rivolger le sorti,
D’un volgo straniero por fine al dolor?
Tornate alle vostre superbe ruine,
All’opere imbelli dell’arse officine,
Ai solchi bagnati di servo sudor.
Il forte si mesce col vinto nemico,
Col novo signore rimane l’antico;
L’un popolo e l’altro sul collo vi sta.
Dividono i servi, dividon gli armenti;
Si posano insieme sui campi cruenti
D’un volgo disperso che nome non ha.


A. Manzoni, Adelchi


12 commenti:

Primo Ultimo ha detto...

Passano i secoli ma le questioni son sempre le stesse.

Chris ha detto...

Un volgo straniero por fine al dolor, e'proprio Monti il nostro signor.

Forte si mesce col vino nemico anche se per la lega non e' mitico.

Dividono i servi, dividon gli armenti ma ai parlamentari i soldi potenti.

D’un volgo disperso che nome non ha chissa mai se l'Italia ce la fara'.

sava dama ha detto...

.."Si posano insieme sui campi cruenti.." ha detto: fortemente e poeticamente

Ernest ha detto...

e oltre a essere dispersi molti continuano a non capire!
:(

Adriano Maini ha detto...

Evvai!

Franz ha detto...

Studiai a memoria l'inno manzoniano, alle scuole medie, e ne potei così apprezzare tutta la forza.
Non pensavo però che ne avrei potuto constatare l'attualità tanti anni dopo...

Il poeta sulle 23 ha detto...

Così adusa, a tal risma di raffinatezze culturali?
Bene, brava, dieci più!

Macy ha detto...

mi hai fatto venire la pelle d'oca ;)

il giardino di enzo ha detto...

Non ne usciremo, non siamo all'altezza.

aboutgarden ha detto...

moto perpetuo...
brava
simonetta

Kylie ha detto...

Tagli alle spese. Questo l'unico rimedio. E meno tagli ai Comuni che siamo gli unici a lavorare, cavolo!

Un abbraccio e buon sabato!

nonno enio ha detto...

attualissimo sto Manzoni... chi l'avrebbe mai detto